feedFacebookTwitterlinkedinGoogle+

infoSOStenibile

Our planet: la docu-serie per riflettere sul futuro del pianeta

8 episodi raccontano tutta la bellezza, ma anche la fragilità degli ecosistemi ambientali

Dai primi giorni di aprile il catalogo di Netflix, la piattaforma streaming americana più seguita del momento, si è arricchito con un documentario diviso in otto episodi dal titolo “Our planet – Il nostro pianeta”. Realizzato dalla Silverback Films, casa di produzione specializzata nelle riprese di pellicole naturalistiche grazie a un progetto nato in collaborazione con il WWF, ogni documentario (della durata di circa 50 minuti) tratta un diverso ecosistema naturale tra quelli presenti sulla terra, per raccontare l'enorme biodiversità del pianeta e i suoi fragili equilibri.

Dopo la prima puntata introduttiva, “Our Planet” - che in gergo viene definita come una docu-serie per la linea di continuità tipica delle serie tv - passa ad analizzare le caratteristiche dei vari ambienti, dalle fredde terre dei ghiacci alla giungla, dal deserto agli ecosistemi marini, evidenziando l’importanza del mantenimento di un equilibrio ambientale che negli ultimi anni sta dimostrando la sua fragilità.

Nella versione originale inglese, ogni episodio è raccontato dalla voce di David Attenborough, naturalista e divulgatore scientifico britannico, al quale è stato affidato il compito di illustrare l’insieme degli elementi presenti nei singoli ecosistemi sia dal punto di vista vegetale che da quello faunistico.

Non solo: Attenborough è anche chiamato a sottolineare i cambiamenti in atto (in alcuni casi irrimediabili) a causa delle mutate condizioni ambientali e climatiche imputabili in larga misura alla mano dell’uomo.

Per quanto non sia certo una novità la scelta di raccontare attraverso un documentario le bellezze e la fragilità degli ecosistemi del nostro pianeta, quel che è significativo è il fatto che anche la piattaforma streaming più conosciuta al mondo si sia spesa sulla tematica, organizzando per la première una presentazione in grande stile presso il Museo di storia naturale di Londra. Un segnale evidente di quanto la questione del cambiamento climatico e del suo impatto sul pianeta sia sentita e urgente. 

Ottobre 2019

Articoli Correlati

Settimana Europea della Mobilità. Come spostarsi nell'era post-Covid?
A settembre torna l’appuntamento europeo annuale. Focus sulla mobilità del futuro e sulle...
Adelante, con juicio
Mobilità in transizione… ecologica. Accelerare le soluzioni, per rallentare i ritmi...
Mare chiama terra. È tempo di invertire la rotta
Riportare i mari europei a un buono stato ambientale: obiettivo mancato. L'allarme dell'...
Tavoli e piante in Piazza Vecchia come simbolo di rinascita
Torna anche quest'anno a Bergamo “I Maestri del Paesaggio”. Nell'incontro tra natura e...