feedFacebookTwitterlinkedinGoogle+

infoSOStenibile

Neox: 4 brevetti internazionali per un’e-bike rivoluzionaria

Neox: 4 brevetti internazionali per un’e-bike rivoluzionaria

 

Cinque anni di progettazione per una bicicletta insospettabilmente elettrica

 
Forte del suo importante background di tecnologia e innovazione, che sta destando interesse in tutto il mondo, è iniziato anche in Italia il lancio dell’avveniristica e-bike Neox, completamente made in Italy. Frutto di cinque anni di progettazione e di 4 brevetti internazionali, può a buon diritto definirsi unica al mondo perché “nata elettrica”. Il progetto Neox, brand di Siral, società specializzata nella produzione e ricerca eco-tecnologica, è nato 5 anni fa con l’obiettivo di realizzare ex novo una bike elettrica senza avvalersi di “protesi” altrui, ma soprattutto partendo da alcune particolari innovazioni tecnologiche. Una concezione che si è basata su 4 brevetti internazionali depositati che riguardano il cambio, il sistema di innesto, il sensore di coppia e la posizione di folle, attivabile con codice Pin. Innovativa anche l’estetica, capace di celare motorino, cambio e altri orpelli in un unico monobraccio, per un design elegante e “pulito”.

Il risultato è una bike insospettabilmente elettrica di grande appeal. Fluida nell’assistenza elettrica e nel cambio dei rapporti e con un enorme vantaggio logistico: la possibilità di poterne smontare, in pochi secondi, entrambe le ruote, per caricarla facilmente anche in un’auto di piccole dimensioni. Il tutto senza neanche doversi sporcare le mani, visto che tutta la trasmissione si trova all’interno della struttura. Tre i modelli prodotti: Crosser, Sporter, più “country”, e Urban, ideale per la città.

Giulio Santuz

Luglio 2015

Articoli Correlati

Settimana Europea della Mobilità. Come spostarsi nell'era post-Covid?
A settembre torna l’appuntamento europeo annuale. Focus sulla mobilità del futuro e sulle...
Adelante, con juicio
Mobilità in transizione… ecologica. Accelerare le soluzioni, per rallentare i ritmi...
Mare chiama terra. È tempo di invertire la rotta
Riportare i mari europei a un buono stato ambientale: obiettivo mancato. L'allarme dell'...
Tavoli e piante in Piazza Vecchia come simbolo di rinascita
Torna anche quest'anno a Bergamo “I Maestri del Paesaggio”. Nell'incontro tra natura e...