feedFacebookTwitterlinkedinGoogle+

infoSOStenibile

La storia di OrtoLibero

La storia di OrtoLibero

Il libro comincia con il racconto di Stefano, detenuto della Casa di reclusione di Verziano. "Parole e segni di libertà: la storia di OrtoLibero" è infatti stato scritto da alcuni detenuti, uomini e donne, e da un gruppo eterogeneo di "non addetti ai lavori" di una rete virtuosa, composta dal Comune di Brescia, Libera, le Cooperative Pandora e La Mongolfiera e dall’associazione Terra e Partecipazione.

La storia è quella di un orto, realizzato nel 2015 e tutt'ora florido, in cui sono state coltivate emozioni, silenzi ricchi di umanità, parole e gesti quotidiani.

OrtoLibero ha già ricevuto un importante riconoscimento, il Cresco Award 2017 di Fondazione Sodalitas sui consumi sostenibili.

Durante la presentazione del libro, lo scorso 5 ottobre alla rassegna Librixia, sono stati recitati, con accompagnamento musicale, degli estratti che hanno generato un vivace dibattito stimolato dagli studenti delle scuole medie di Caionvico e del Liceo Veronica Gambara.

Un ponte fra carcere e città, fra detenuti, studenti e cittadini. Il libro è disponibile rivolgendosi a: Comune di Brescia - Casa Associazioni, epalladino@comune.brescia.it, tel. 030 2309280.  

Dicembre 2017

Articoli Correlati

Come uscire dal carbone secondo uno studio del WWF
Lo studio commissionato dall’associazione ambientalista dimostra che entro il 2050 l’...
Chagall
A Milano le mostre multimediali dedicate a Klimt e Chagall Alla fine degli anni Venti, l’...
Bergamo smart land
La Provincia verso un territorio sempre più efficiente che punta alla mobilità...
Il valore di essere in tanti copertina
La metafora di un mondo che, se unito, può contare. È questo il valore che mi piace...