feedFacebookTwitterlinkedinGoogle+

infoSOStenibile

La cucina dei single

La cucina dei single

Dimmi che spesa fai e ti dirò chi sei

Da varie indagini risulta che i single in Italia siano più di 6 milioni. Cosa mettono nel carrello della spesa e nel piatto?

Lo stile alimentare di chi vive da solo è per certi aspetti simile a chi condivide con altri i propri pasti.

Tuttavia, quando si parla di cucina dei single, ci si immagina uno stile alimentare poco sano, fatto di cibi di scarsa qualità, pasti saltati o fuori orario e menù squilibrati sia per l’apporto di nutrienti che di calorie. Si tratta solo di luoghi comuni?

Sfatiamo alcuni miti: da un’analisi di mercato (Eurisko) emergono vari comportamenti alimentari e del modo di fare la spesa dei single. Per la serie “Dimmi come mangi e ti dirò chi sei”, vediamo alcuni di questi profili.

I Razionali

Molti single sono identificati come “Razionali”: controllano oculatamente le etichette, non danno importanza alle marche ma alle offerte, prediligono frutta e verdura di stagione, prodotti a km 0 e biologici, rispetto a scatolette e cibi conservati. Sono sempre attenti al rapporto qualità/prezzo, alla tracciabilità dei prodotti, alla loro provenienza e salubrità.

I Distaccati

Un’altra categoria di single è quella dei “Distaccati”. Il loro principale obiettivo è risparmiare tempo, quindi l’acquisto diventa più che altro una necessità che deve essere funzionale, senza particolari significati simbolici o valori morali. Le loro scelte quindi sono orientate a cibi pronti, veloci da cucinare, prodotti surgelati, affettati, formaggi, polenta precotta, pane a fette.

I Distaccati sono insomma il popolo dei “Quattro salti in padella”. Purtroppo però praticità non è sempre sinonimo di salubrità: spesso questi alimenti contengono additivi, come conservanti o esaltatori di sapidità, che il prodotto fresco non possiede. In ogni caso, va tenuto presente che molte aziende stanno cercando di migliorare i prodotti di facile preparazione.

Gli Aspirazionali

Sono quei single che si identificano con la marca, che rappresenta per loro un grado di emancipazione e di differenziazione dalla standardizzazione.

I Tradizionalisti

Frequentano sempre i soliti punti vendita e preferiscono la mini spesa quotidiana, magari nel minimarket sotto casa in cui amano essere riconosciuti e accolti. Sono abitudinari, nostalgici e amano le marche che li hanno accompagnati dall’infanzia e delle quali ricordano ancora le vecchie sigle degli spot pubblicitari, dimenticando che una dieta monotona non può essere sana.

La risposta del mercato

I cambiamenti delle abitudini dei consumatori determinano la produzione che, insieme al marketing, cerca di soddisfare le richieste anche di questo target di mercato - i single -, mettendo a disposizione cibi di IV e V gamma. Per IV gamma si intendono quei prodotti, principalmente frutta e verdura che sono lavati, confezionati e “pronti da mangiare”, come l’insalata in busta. I prodotti di V gamma hanno in più anche delle componenti aggiuntive che ne favoriscono l’utilizzo come, per esempio, la presenza all’interno delle confezioni di condimento e posate.

L’impiego diffuso da parte dei single, e non solo, di questi prodotti “ready to eat” è determinato da vari fattori: la riduzione del tempo medio a disposizione a causa di impegni lavorativi, pause pranzo brevi e probabilmente anche la scarsa voglia di cucinare solo per se stessi.

Anche l’utilizzo di servizi di ristorazione è in crescita e non solo i single spendono molto, ma sprecano in misura notevole! Infatti, oltre a fast food e take away, freezer ricolmi di surgelati e cibi in scatola, tra gli errori più frequenti di chi vive solo sono inclusi anche piatti cucinati in quantità abbondanti, con conseguente avanzi di cibo, spesso poi buttato, e un mancato controllo di alimenti soggetti a scadenze.

Rossana Madaschi, Ec. Dietista e Docente di Scienza dell'Alimentazione

 

 

Come ottimizzare la spesa

> Porta sempre con te la lista per evitare acquisti inutili

> Leggi sempre le etichette

> Non fare la spesa quando hai poco tempo: la fretta è una cattiva consigliera

> Effettua acquisti ravvicinati, evitando eccessive scorte alimentari

> Scegli frutta e verdura fresche, rispettando la stagionalità

> Ricorda che i prodotti di marca non necessariamente ) ) sono sinonimo di qualità superiore

> Evita i prodotti pronti troppo elaborati

> I cibi monoporzioni costano molto di più e hanno anche un maggior impatto ambientale

 

 

Settembre 2017

Articoli Correlati

Sette anni in sette giorni
Novembre 2017, bene. Ci guardiamo indietro e… sette anni, sono passati già sette anni e...
Abbigliamento sostenibile. Vestirsi per filo e per sogno
A Paladina la fiera del tessile biologico, ecologico e solidale Domenica 22 ottobre...
Autunno, tempo di castagne
Sul lago di Como un “maxi castagneto” da 220 ettari L’autunno è arrivato e insieme all’...
Il grande sentiero
Montagna, viaggi, avventure e ambiente nella rassegna cinematografica di Lab80 Nona...