feedFacebookTwitterlinkedinGoogle+

infoSOStenibile

La classe 1^B racconta - Secondaria "Kennedy" Brescia

La classe 1^B racconta - Secondaria "Kennedy" Brescia

Una classe in Collina

La classe 1B intraprende una gita scolastica al parco delle colline di Sant'Anna

La mattina del 23 maggio 2017 noi, alunni della scuola secondaria di primo grado Kennedy Ovest 3 della classe 1B, abbiamo fatto un’uscita al parco intercomunale delle colline di Sant'Anna.

Questa uscita aveva come scopo di farci scoprire le molte particolarità del parco, impossibili da notare facendo una semplice passeggiata. Abbiamo lasciato la scuola alle ore 08.30 circa e la nostra guida, il sig. Livio, ci aspettava fuori dal cancello.

Ci siamo avviati a piedi verso il parco e abbiamo iniziato l'attività. Ci siamo incamminati per un sentiero mentre Livio ci spiegava e descriveva le piante che riteneva più importanti da conoscere.

Inoltre per ogni pianta abbiamo raccolto un campione, che poteva essere una foglia, un fiore oppure una galla, per poi fare in classe un erbario. Arrivati in cima alla collina ci siamo fermati per fare merenda.

Dopo la breve pausa, la guida ci ha proposto un gioco: ci siamo divisi in quattro gruppi e, per mezzo delle informazioni sulla riproduzione, sulle strategie difensive e di impollinazione che c'erano state illustrate poc'anzi, siamo stati invitati ad etichettare ogni vegetale.

Alla fine della prova, completata con successo da tutti i gruppi, siamo tornati a scuola, ma non abbiamo dimenticato quanto abbiamo imparato.

Alla conclusione di questa esperienza possiamo dire che si può imparare anche osservando cose nuove e non solo con la schiena ritorta e il naso sui libri.

Articolo a cura di Artur, Beatrice, Martina, Nicola, Vanessa 

 

Le difese delle piante

Dall’odore sgradevole al liquido urticante: ecco i sistemi di sicurezza della vegetazione

Nella passeggiata al Parco delle Colline, la classe 1°B Kennedy, ha approfondito le varie strategie adottate dalle piante per sopravvivere. Ci sono arbusti che adottano strategie di difesa, per non essere attaccate dagli animali come per esempio la celidonia, che usa una linfa gialla (chiamata lattice), capace di ustionare la bocca di chi si avvicina.

L’elleboro fetido sfrutta il suo odore sgradevole per tenere lontani i visitatori, proprio come la parietaria, mentre l’ortica è piena di peli contenenti un liquido urticante.

Altre piante preferiscono invece usare gli animali per la disseminazione, per esempio l'attaccaveste e la quercia roverella. In altre ancora è il vento che trasporta i semi o i pollini, come nel caso dell'acero campestre.

Di tutte queste varietà – oltre a edera terrestre, frassino, orlaya grandiflora, bagolaro, artemisia, geranio e cladoro – abbiamo raccolto dei campioni che la classe userà per un erbario.

Per allestirlo bisognerà far essiccare le foglie ben distese tra pagine di giornale, all'interno di una pressa predisposta. Una volta essiccati, tutti i campioni vengono catalogati con nome e luogo di raccolta: sarà un bel ricordo per la classe.

Articolo a cura di Filippo, Marco, Mattia, Lovedeep e Nicolas

Giugno 2017

Articoli Correlati

Sette anni in sette giorni
Novembre 2017, bene. Ci guardiamo indietro e… sette anni, sono passati già sette anni e...
Abbigliamento sostenibile. Vestirsi per filo e per sogno
A Paladina la fiera del tessile biologico, ecologico e solidale Domenica 22 ottobre...
Autunno, tempo di castagne
Sul lago di Como un “maxi castagneto” da 220 ettari L’autunno è arrivato e insieme all’...
Il grande sentiero
Montagna, viaggi, avventure e ambiente nella rassegna cinematografica di Lab80 Nona...