feedFacebookTwitterlinkedinGoogle+

infoSOStenibile

L’Open Source stimola l’apprendimento

L’Open Source stimola l’apprendimento

Il sapere ai massimi livelli è già disponibile sul web. Gratis, senza confini e senza censure.

L’innovazione, pervasiva e strutturale, guarda all’apprendimento come un terreno fertile per far germogliare la conoscenza.

Il web si sta dimostrando un formidabile strumento per veicolare i contenuti, tanto che si potrebbe ipotizzare un futuro nel quale internet si trasformi in maniera strutturata in un vero e proprio luogo di conoscenza, virtuale e gratuito, facilmente accessibile ed estremamente diffuso.

Cosa che peraltro è già per molti utenti. Tante infatti le iniziative, i siti e le applicazioni che promuovono un sapere senza confini e senza censure, in cui tutti mettono a disposizione il proprio lavoro, le proprie esperienze e competenze. Si stanno moltiplicando infatti i siti, blog, canali youtube, etc. che consentono di scambiarsi risorse per seguire lezioni di qualsiasi tipo, anche di elevato livello universitario, comodamente da un punto all’altro del pianeta. Numerosi anche i siti e le piattaforme dedicati agli stessi professori che possono scambiarsi risorse, video e approfondimenti per preparare le lezioni, oltre a contesti in cui simulare esperienze formative e professionali a studenti o a novelli apprendisti.

Ecco alcuni esempi:

Kunaao (www.kunaao.com) un vero e proprio ecosistema di e-learning dove chiunque può mettere a disposizione il proprio know how, insegnarlo e farlo diventare business.

Skill Share (www.skillshare.com), giovane start-up che permette di imparare tutto da tutti attraverso lezioni online una sera a settimana.

EDU 2.0 (www.edu20.org), si muove sempre nell’ottica dell’implementazione del sapere attraverso corsi di management che permettono agli insegnanti di condividere programmi, test e video con colleghi e studenti.

Symbaloo EDU (www.symbalooedu.com) sono già 50 mila i professori iscritti che utilizzano questo sistema per organizzare le lezioni con approfondimenti multimediali e non, per ogni soggetto di ricerca specifico.

TeacherTube (www.teachertube.com), un canale YouTube dedicato ai docenti, meravigliosa risorsa di idee e video da utilizzare durante i corsi, in crowdsourcing naturalmente.

Edublogs (www.edublogs.org) un blog nato dalla collaborazione tra insegnanti e studenti che supporta unicamente contenuti educativi.

Edmodo (www.edmodo.com) è simile a Facebook ed è pensato per condividere idee, files, appunti e tutto ciò che serve per massimizzare la resa nello studio. Semplicemente postando sul wall.

Education Skype (www.education.skype.com) è creato su misura per gli studenti e offre la possibilità di entrare in contatto con colleghi che provengono da tutto il mondo. Connettendosi via Skype si possono scoprire culture, volti e lingue dei quattro angoli del pianeta, senza mai spostarsi dall’aula.

 Glovico (www.glovico.org), interazione sociale e internazionale che permette di seguire i corsi in una lingua diversa dalla propria, grazie a docenti madrelingua che insegnano in videoconferenza.

 Concord Consortium (www.concord.org) la nonprofit che ha sviluppato modelli digitali per offrire un valido aiuto nella didattica delle materie scientifiche e tecniche per aiutare a comprendere e visualizzare attraverso simulazioni tutto ciò che non può essere sperimentato in prima persona perché troppo grande, piccolo, veloce o lento.

 Epistemic games (www.epistemicgames.org), giochi di ruolo che permettono di immedesimarsi in veri professionisti. Vestire i panni di un planner, un giornalista o un ingegnere offre la possibilità di confrontarsi con problemi reali e maturare vere work skills, abituandosi a ricevere feedback professionali, a risolvere problemi e a giustificare le proprie scelte. Come dimostra il cono di apprendimento di Dale, infatti, la mente memorizza il 90% delle esperienze che ci riguardano personalmente contro il 20% di quelle che derivano dall’ascolto passivo.

Academic Earth (www.academicearth.org), l’e-learning che permette di accedere alla migliore istruzione possibile, gratuitamente e da dove si vuole. Video lezioni online tenute dai migliori professori delle più prestigiose università del pianeta. Pensiamo ad università online che hanno virtualizzato sedi, corsi e classi e preparano i propri studenti attraverso videoconferenze e materiali scaricabili dal sito. Un approccio che abolisce i costi delle strutture e investe sulla qualità delle risorse e degli insegnanti. Per una formazione continua e continuamente aggiornata.

Alice Motti

Dicembre 2014

Articoli Correlati

Ferrovie Dismesse come ciclabili: una risorsa per le due ruote
FIAB-Federazione Italiana Ambiente e Bicicletta scatta una fotografia aggiornata delle...
Settimana Europea della Mobilità. Come spostarsi nell'era post-Covid?
A settembre torna l’appuntamento europeo annuale. Focus sulla mobilità del futuro e sulle...
Mare chiama terra. È tempo di invertire la rotta
Riportare i mari europei a un buono stato ambientale: obiettivo mancato. L'allarme dell'...