feedFacebookTwitterlinkedinGoogle+

infoSOStenibile

Informatica ecosostenibile

Informatica ecosostenibile

Efficienza aziendale e risparmio in nome della sostenibilità energetica.

Già nel 2008 il 2% della CO2 emessa nel mondo derivava dai consumi dell’industria informatica e delle telecomunicazioni: una quantità paragonabile a quella prodotta dall’industria aeronautica. I dati confermano la necessità che l’idea di un’informatica ecosostenibile non possa più essere un’utopia, ma debba trasformarsi in realtà.

PHI, azienda bergamasca nata dalla decennale passione di alcuni professionisti nel campo dell’informatica, ha raccolto la sfida introducendo innovazioni tecnologiche per migliorare l’erogazione di servizi via computer, riducendo i costi di manutenzione, il consumo di energia elettrica e quindi l’impatto ambientale.
Essere green per il settore IT non significa solamente ridurre i costi operativi delle infrastrutture attraverso modalità nuove, ma trovare soluzioni in grado di monitorare i consumi specifici correlati al funzionamento dei sistemi, dai PC alle loro periferiche, dai sistemi di videoconferenza ai sistemi centrali di elaborazione.

Per un netto miglioramento delle performance energetiche bisogna prestare particolare attenzione ai sistemi di raffreddamento, ventilazione, illuminazione, distribuzione e continuità elettrica che nei Data Center standard arrivano ad assorbire anche il doppio dell’energia destinata ai sistemi installati. Per PHI informatica la soluzione si chiama Archibox, il servizio di archiviazione elettronica documentale di gestione e conservazione sostitutiva dei documenti. Una vera e propria cassaforte per i dati, che consente di non sprecare più carta, spazio e tempo: il sistema consente di archiviare ed elaborare informazioni interne alla società in modo rapido e sicuro, monitorandole costantemente. Le infrastrutture virtualizzate permettono agli utenti di accedervi in qualsiasi momento e da qualsiasi computer o dispositivo abilitato. L’erogazione dei servizi telematici avviene con una maggiore continuità e anche in caso di interventi di riparazione si riduce al minimo il rischio di blocchi o interruzioni.
Una soluzione innovativa è stata adottata anche per le periferiche, eliminando gli scarti della stampa con un costo inferiore rispetto alla media. Grazie alla partnership con Xerox, l’utilizzo dell’inchiostro solido, risultato di un’innovativa e rinomata tecnologia di stampa a colori, consente di ottenere una qualità eccellente con il 90% in meno di materiale di scarto.

Anche la scelta di proporre ai propri clienti Google Apps, che comprende strumenti gestionali online come email, agenda e calendario, si muove in prospettiva green. È il data center più ecologico, mantiene le stesse prestazione e garantisce una maggiore sicurezza, è certificato per il risparmio energetico e permette di avere un impatto ambientale 80 volte minore della media.
I servizi di consulenza sono gestiti in base alle necessità del cliente cercando di ottimizzare l’utilizzo delle risorse. La possibilità di interagire virtualmente, avendo sempre a disposizione un tecnico preparato in teleassistenza, permette un notevole risparmio in termini di tempo e costi di spostamento.

E qui i conti sono presto fatti: un server consuma mediamente 400 € di energia in un anno. L’annullamento della spesa di acquisto, manutenzione, backup dati permettono un risparmio medio calcolato per utente di circa 300 € all’anno, circa 13.500 € per un’azienda di medie dimensione con 15 dipendenti.
Nei prossimi dieci anni l’alimentazione e la climatizzazione delle infrastrutture informatiche diventerà uno dei fattori critici dello sviluppo economico. Non farsi trovare impreparati oggi è già possibile.

 

Dicembre 2014

Articoli Correlati

Ferrovie Dismesse come ciclabili: una risorsa per le due ruote
FIAB-Federazione Italiana Ambiente e Bicicletta scatta una fotografia aggiornata delle...
Settimana Europea della Mobilità. Come spostarsi nell'era post-Covid?
A settembre torna l’appuntamento europeo annuale. Focus sulla mobilità del futuro e sulle...
Adelante, con juicio
Mobilità in transizione… ecologica. Accelerare le soluzioni, per rallentare i ritmi...