feedFacebookTwitterlinkedinGoogle+

infoSOStenibile

I peel estetici

I peel estetici

Per una pelle più giovane: stimolare per rinforzare

L’esfoliazione è una delle tecniche più utilizzate per ringiovanire l’aspetto della cute in modo non invasivo. Fin dai tempi di Cleopatra l’esfoliazione è simbolo del ringiovanimento cutaneo in quanto interviene in modo diretto sul meccanismo legato alla freschezza della pelle: il ricambio cellulare.

Ma in cosa consiste e che differenza c’è tra uno scrub meccanico e un peeling chimico? Dovete immaginare la pelle come una costruzione a più strati, come un muro di mattoni, dove i mattoni sono le cellule epidermiche.

Queste cellule particolari crescono, si sviluppano e muoiono risalendo dall’interno fino all’esterno, la parte di pelle che noi vediamo. Quando siamo giovani e sani, questo ricambio avviene ogni 28 giorni, nei bambini addirittura ogni 15 giorni, per questo hanno un aspetto roseo, soffice e liscio. Con l’avanzare dell’età il ricambio diventa sempre più lento, e ci troviamo ad avere sulla superficie cutanea esterna cellule ingrigite, invecchiate, secche e danneggiate.

Ecco dove si lavora con l’esfoliazione. Cerchiamo di aiutare l’epidermide ad accelerare il turn-over cellulare ottenendo come risultato una pelle più compatta, uniforme e levigata.

Ci sono molti modi per stimolare questo processo. Un modo molto utilizzato è cercare di rimuovere le cellule morte in eccesso utilizzando degli scrub meccanici.

Sono creme o burri cosmetici, addizionati di polveri di diverso genere, farine vegetali o granuli minerali. Questi vengono massaggiati in modo uniforme, con movimenti circolari.

Così si genera un’azione meccanica perché i granelli rimuovono meccanicamente le cellule morte che ormai sono staccate, lasciando la pelle più liscia, idratata e levigata.

I peel chimici o enzimatici invece utilizzano sostanze cheratolitiche che sciolgono o digeriscono la cheratina - la sostanza di cui sono fatte le cellule epidermiche - eliminandole non in modo meccanico, ma attraverso una reazione chimica.

I peel chimici o enzimatici sono di diversi tipi, alcuni molto delicati altri molto forti e aggressivi, la scelta dipenderà da quanto in profondità si vuole andare e quante cellule morte si vogliono eliminare. Per questo tipo di esfoliazione ci si affida a professionisti preparati a scegliere le sostanze più adatte e a utilizzarle nel modo giusto.

È una vera ginnastica per la pelle, che nel tempo si rinforza e diventa sempre più bella e luminosa.

I benefici che si ottengono da questo tipo di trattamento sono:

• Maggior levigatezza e luminosità

• Riduzione delle rughe profonde e superficiali

• Maggior compattezza dei tessuti

• Le macchie cutanee da fotodanneggiamento si schiariscono notevolmente fino a scomparire.

L’esfoliazione è una delle tecniche più utilizzate per ringiovanire l’aspetto della cute in modo non invasivo, ma solo se utilizzata in modo competente e sempre accompagnata da una cura domiciliare adeguata. Come un atleta ha bisogno di ottimo cibo per potersi allenare e raggiungere grandi risultati, così la pelle può rinforzarsi e diventare bellissima se stimolata e nutrita con equilibrio.

Silvia Caffi, Estetista e Osteopata

Ottobre 2017

Articoli Correlati

Sette anni in sette giorni
Novembre 2017, bene. Ci guardiamo indietro e… sette anni, sono passati già sette anni e...
Abbigliamento sostenibile. Vestirsi per filo e per sogno
A Paladina la fiera del tessile biologico, ecologico e solidale Domenica 22 ottobre...
Il grande sentiero
Montagna, viaggi, avventure e ambiente nella rassegna cinematografica di Lab80 Nona...
Autunno, tempo di castagne
Sul lago di Como un “maxi castagneto” da 220 ettari L’autunno è arrivato e insieme all’...