feedFacebookTwitterlinkedinGoogle+

infoSOStenibile

Filiera Corta Solidale: a Cremona distribuzione a basso impatto

Filiera Corta Solidale

Da quasi dieci anni l'associazione sta implementando una rete alternativa per la valorizzazione dei prodotti locali e stagionali

Promuovere la distribuzione di prodotti locali tramite una rete alternativa e solidale, rivolgendosi a persone attente alla qualità del cibo e all'impatto sociale ed ambientale dei propri acquisti: è questo l'intento principale – ma non l'unico - di Filiera Corta Solidale di Cremona. Dalla sua apertura nel 2010 ad oggi, questa solida realtà cremonese ha raggiunto circa 350 famiglie, gruppi di persone che settimanalmente fanno la spesa online scegliendo tra diversi generi alimentari di produttori selezionati.

Questi ultimi – oltre 40, tra cui 20 bio e 27 entro un raggio di 35 km - aderiscono a un Disciplinare di produzione, visionabile e scaricabile sul sito di Filiera Corta Solidale, ispirato a principi di genuinità, sostenibilità ecologica, artigianalità, trasparenza, prossimità e gusto. «Stiamo lavorando per crescere e attraverso Facebook ed iniziative mirate cerchiamo di far conoscere a più persone possibili questa realtà, che è molto comunitaria - spiega Laura Rossi di FCS Cremona -. La parte bella è quando la gente viene a ritirare la spesa, perché si creano bellissimi rapporti e relazioni, moltiplicati per tutte le sedi, circa una ventina, che si mettono in attività il martedì quando c'è la distribuzione».

La filiera, l'associazione e la cooperativa

Filiera Corta Solidale è un'associazione di promozione sociale con sede all'interno del Centro del Riuso, e conta venti gruppi di acquisto, oltre 400 prodotti distribuiti (più della metà freschi e di stagione) e oltre 30 volontari attivi. L'associazione si rivolge a tutti, ma in particolare ai propri soci: «Le nostre attività sono aperte a chiunque sia interessato – prosegue Laura Rossi -. Poi però è necessaria l'iscrizione all'associazione, che richiede il versamento di una quota di 10€ l'anno per partecipare a tutte le attività, come eventi e laboratori». +

Chi volesse fare acquisti e ritirare la propria spesa solidale può contattare lo staff tramite mail o telefono, oppure compilare il modulo direttamente dal sito filieracortacremona.it. I volontari accolgono i soci in base al punto di ritiro più comodo a seconda di dove si abita o lavora, con un gruppo di referenti distribuito tra case private, oratori e circoli che preparano settimanalmente la merce in base al calendario degli ordini ricevuti. 

«Cultura e volontariato da una parte, pratiche e burocrazia dall'altra, sono le due anime che tengono insieme questo progetto», aggiunge Laura Rossi, spiegando che accanto all'associazione è nata, da ormai tre anni, anche una cooperativa sociale che si occupa dell'aspetto fiscale e commerciale, che spazia dalla gestione degli acquisti al magazzino, fino al personale.

Prodotti, iniziative ed eventi

I prodotti disponibili all'acquisto sono quelli tipici del territorio cremonese, oltre a quelli che seguono la stagionalità, quindi frutta, verdura, carne, pesce, formaggi e latticini, uova, pasta, riso, cereali, olio, sughi, spezie e miele. In preparazione c'è anche un progetto di collaborazione con alcuni locali e ristoranti per realizzare menu fatti con prodotti di filiera corta: «In questo momento ci sono tre ristoratori che hanno aderito al marchio Cremona Local Food, al quale stiamo dedicando anche un sito, la cui idea è quella di promuovere - nei circuiti turistici ma non solo - la maggiore visibilità di prodotti di qualità e locali e anche di intercettare persone interessate». 

Per quanto riguarda gli eventi, i prossimi saranno un ciclo di incontri per adulti, legati alla cucina di stagione e curati da un cuoco vegano di Bologna, e alcuni laboratori pratici di cucina dedicati ai bambini (“Bambini al centro”), tra attività pratiche, collage, lettura di storie, il tutto legato ai temi della stagionalità, della biodiversità e della ricchezza locale. 

Tutte le informazioni sul sito: filieracortacremona.it. 

Mara Guzzon

 

I prossimi eventi

  • Sabato 14/12/19 – UN PICNIC MOLTO SPECIALE

Chi ha detto che i picnic si fanno solo in estate? Con un buon equipaggiamento e tanta fantasia si preparerà insieme tutto l’occorrente, accompagnati da una storia molto divertente!

  • Sabato 18/01/20 – STASERA CUCINO IO!

C’era una volta… In ogni storia si nascondono ricette FAVOLOSE, più o meno famose, che saranno lette e realizzate insieme, divertendosi insieme con le mani sporche di farina! 

  • Sabato 29/02/20 – LA NOSTRA IMPRONTA ECOLOGICA

Che peso hanno le nostre azioni quotidiane? Con questo laboratorio si costruirà un misuratore semplificato per calcolare il nostro impatto sul Pianeta!

 

 

Dicembre 2019

Articoli Correlati

Premio CULTURA+IMPRESA
Ai migliori progetti del mondo della Cultura e dell’Impresa il 20 luglio verranno...
Carta della Mobilità 2020
Presentata la nuova guida di ATB e TEB utile e aggiornata per viaggiare informati con...
Approvato in commissione bilancio della camera l'emendamento al decreto rilancio sulla...
In due giorni alcuni istituti pubblici di Bergamo hanno tutte ricevuto i contenitori per...