feedFacebookTwitterlinkedinGoogle+

infoSOStenibile

Che vita di plastica…

Che vita di plastica…

Ormai, nuotiamo in oceani di plastica

Quasi ogni nostra azione comporta l’utilizzo - e il conseguente smaltimento - di plastica, poiché quasi ogni cosa che utilizziamo è costruita in plastica o protetta da un imballo di plastica.

E si parla veramente di ogni cosa: dallo shampoo allo spazzolino, dalle brioche all’acqua, dai cappelli alle scarpe, dagli occhiali ai braccialetti, dalle biro ai dispositivi elettronici. Certo, ogni cosa ha una propria “vita”, più o meno estesa; però, altrettanto, ogni cosa richiede di essere eliminata e smaltita e, sovente, riciclata.

Tutti noi siamo oramai a conoscenza dei progressi raggiunti sulla strada della sostenibilità: dal fatto che dalle bottiglie si producano fibre per capi di abbigliamento, al fatto che il riuso degli oggetti stessi, al di là dei materiali, eviti alcuni sprechi etc. Ma è davvero così sostenibile questa “vita di plastica”?

Un colpo d’occhio

I rapporti dicono di no. Tant’è vero che, giornalmente, vengono forniti dati allarmanti su ciò che realmente accade nel globo terracqueo: questi rapporti danno la misura della vera e propria invasione della plastica, oltre a rammentare la costante espansione della Great Pacific Garbage Patch - un’enorme isola di rifiuti di plastica, coagulatasi negli ultimi cinquant’anni in mezzo all’Oceano Pacifico, e di cui l’estensione è stimata oggi in un decimo dell’area complessiva dell’oceano stesso - e del suo “arcipelago” esteso anche al Mar Mediterraneo.

La “capillare” diffusione di microplastiche all’interno dei mari è causata tanto dai lavaggi degli indumenti quanto dalle degradazioni delle plastiche galleggianti e la sua entrata nella catena alimentare attraverso l’ingestione delle microplastiche da parte della fauna marina, che poi finisce sulle nostre tavole. Inoltre, si pone l’accento su un vero e proprio soffocamento degli oceani: un documento del Programma ambientale delle Nazioni Unite dichiara che - mantenendo gli attuali ritmi di produzione, in costante incremento - la massa della plastica riversata negli oceani, nel 2050, supererà quella di tutti i pesci che è, invece, in costante decremento. Una dichiarazione molto forte.

Sostenuta, purtroppo, dai dati: basti pensare che la massa delle microplastiche - pari a circa l’8 per cento della massa totale delle plastiche galleggianti - sorpassa, ormai, il chilogrammo per chilometro quadrato; Greenpeace sottolinea peraltro che queste microplastiche non chiedono il permesso per invadere nemmeno le aree marine protette, che, a loro volta, raccolgono decine di migliaia di pezzi di plastica galleggianti.

Un colpo di mano

Risulta evidente la necessità di una revisione degli stili di vita. Naturalmente, dare un freno a questo circolo - o ricircolo - vizioso è molto difficile. Però, se vogliamo, possiamo esercitarci ogni giorno al riciclo e al riuso: ognuno, individualmente, sia capace di prestare attenzione ad acquisti, utilizzi e smaltimenti; di renderli sostenibili e poi di diffondere buone abitudini.

Nel concreto, oltre a premere sui produttori di plastiche e oggi in plastica per allertarli sui pericoli di questi palesi squilibri ambientali e spingerli a un drastico cambio di rotta, è indispensabile adottare da parte di noi consumatori modalità di consumo consapevoli e accorte riguardo l’uso dei prodotti usa e getta in primis e, contemporaneamente insieme, al riuso di tutti gli oggetti che lo consentono.

Andrea Emilio Orsi

 
Giugno 2018

Articoli Correlati

Earth Prize 2018
Presentata in Regione Lombardia la nuova iniziativa patrocinata da Touring Club Italiano...
La porzione quotidiana del benessere
Tutte le proprietà della frutta secca La frutta secca, come spesso viene definita, si...
Limone
Il frutto dai mille usi Il limone è il frutto dell'albero di limone (Citrus limon) una...
Pomodoro
Alla base della cucina mediterranea Il pomodoro (Solanum lycopersicum) appartiene alla...