feedFacebookTwitterlinkedinGoogle+

infoSOStenibile

Acqua di Valore

Acqua di Valore

Perdita d’acqua? Purtroppo può succedere. Ma la perdita economica si può scongiurare fin da subito. Ecco la soluzione di UniAcque

Sprecare acqua è sbagliato sia per l’ambiente sia per il nostro portafoglio. Come sa chi è già stato vittima di perdite d’acqua nell’impianto idraulico, le bollette che arrivano a casa possono essere molto salate.

Questo succede in particolare quando la propria utenza è servita ancora da un impianto molto datato o non sufficientemente sottoposto a manutenzione.

UniAcque, congiuntamente con l’Ufficio d’Ambito della Provincia di Bergamo, propone un’efficace soluzione, pensata per tutelare i propri utenti da eventuali danni da perdita occulta, che comunque non sono imputabili all’azienda, trattandosi dei tratti di reti idriche private.

È possibile infatti sottoscrivere un contratto per accedere al “Fondo Perdite occulte”. Aderirvi è facilissimo: basta compilare un apposito modulo, scaricabile dal sito www.uniacque.bg.it, e farlo pervenire all’azienda. Al costo di soli 7 euro annui (per le utenze domestiche) o 15 euro (per le utenze non domestiche) si può accedere al fondo, che è una vera garanzia per il consumatore. Infatti, nel caso l’utente dovesse accorgersi di una perdita (cosa che solitamente si evince dalla bolletta), dopo opportuni accertamenti, si può fare richiesta di rimborso.

Ma come funziona esattamente? Il costo dovuto alla perdita viene pagato solo in piccola parte dall’utente, che dovrà versare una quota pari al doppio del consumo medio annuo, mentre la parte restante viene saldata da UniAcque, attingendo alle risorse del fondo.

In pratica- procedendo con un esempio chiarificatore- nel caso in cui dovesse essersi verificata, supponiamo, una perdita pari a 1.000 metri cubi di acqua, se il cliente ha un consumo medio annuo pari a 100 metri cubi, pagherà una quota pari al consumo di 200 metri cubi di acqua (il doppio), mentre i restanti 800 metri cubi (la parte eccedente) vengono coperti con le risorse del “Fondo Perdite occulte”.

Il Fondo però ha un massimale limite di 10.000 € nel caso di utenze domestiche e 15.000 € per le utenze non domestiche. Si tratta di una forma di tutela molto conveniente per il cittadino, perché pagando una quota quasi irrisoria di 7 o 15 euro, non si è tenuti poi a versare l’intero costo della perdita, che purtroppo è sempre un grosso rischio da tenere in considerazione. La prima mossa vincente è essere previdenti!

 

Come accedere al fondo

Per aderire al Fondo, occorre scaricare il modulo “Adesione al fondo perdite occulte”, accedendo al sito www.uniacque.bg.it: dalla home page, selezionare “Servizio Clienti”, poi “Modulistica” e infine “Modulistica Acquedotto”. Il modulo va fatto pervenire a Uniacaque S.p.A. presentandolo agli sportelli, oppure inviandolo a info@uniacque.bg.it o a mezzo fax allo 035 3070110 (corredato dal documento d’identità dell’intestatario del contratto).

Per informazioni, chiamate da telefono fisso il numero verde: 800 269 595

Da cellulare il numero: 035 30 70 111

 

UniAcque vi ricorda che:

1) La bolletta di consumo ha cadenza trimestrale. Sopra i tremila metri cubi l’anno la cadenza è bimestrale

2) Con soli 7 euro si può aderire al fondo perdite occulte. Per tutelare il consumatore in caso di perdite non visibili

3) Avete un contatore interno o di difficile lettura? UniAcque lo posiziona al confine di proprietà

4) Nel 2018 sarà attivato un deposito cauzionale. Così i costi delle bollette insolute non ricadranno sulla collettività

Dicembre 2017

Articoli Correlati

Banana
Non solo l’unico frutto dell’amor… Bacca della famiglia delle Musaceae, questo frutto è...
Ravanello
L’importanza delle radici Non sono chiare le esatte origini e non sono univoci i pareri...
Peter Pan
Il bambino (dentro ognuno di noi) che voleva vincere il tempo Se doveste chiedermi dove...
Cure ricostituenti
Ripristinare il corretto funzionamento dell’organismo L’organismo umano è una macchina...