feedFacebookTwitterlinkedinGoogle+

infoSOStenibile

Acqua come slancio vitale

1° premio: Acquedotto Flusso Vitale di Ezio Arosio

Una mostra d’arte itinerante su tutto il territorio orobico

Cogliere il valore inestimabile di una risorsa come l’acqua è un’attitudine culturale prima che comportamentale, soprattutto in una situazione idrica privilegiata come quella del territorio bergamasco.

Affinché tale consapevolezza si traduca in azione concreta di salvaguardia del nostro patrimonio idrico, occorre prima di tutto “sentire” quanto l’acqua sia una risorsa cruciale per tutti noi; a maggior ragione se vogliamo che la presa in cura e l’uso consapevole della risorsa diventino lo stile di vita del nostro futuro e dei nostri figli.

Risulta certamente necessario investire costantemente nella gestione e nella ricerca, ma anche nell’interazione diretta con il territorio coinvolgendo i suoi abitanti in momenti di incontro culturali e informativi con l’obiettivo di creare una rete sociale consapevole attorno al tema acqua.

Sfida ardua, soprattutto se si considerano le esigenze della società moderna sia in tema di comunicazione che di aggregazione sociale.

A questo proposito, negli ultimi anni UniAcque spa, società pubblica costituita dai comuni bergamaschi e dall’amministrazione provinciale di Bergamo per la gestione unitaria e integrata del servizio idrico si è resa protagonista di una serie di proposte ed eventi sul territorio, tra cui la novità della mostra itinerante “L’acqua come slancio di vita”, che da maggio sta facendo il giro della provincia di Bergamo.

Il concorso d’arte

Il 13 maggio presso il palazzo della Provincia di Bergamo si è tenuta la prima edizione del Premio d’arte di UniAcque “L’acqua come slancio di vita” un’iniziativa dagli ambiziosi obiettivi, come si evince dalle dichiarazioni del presidente di UniAcque Paolo Franco: «Il Premio d’arte nasce con un duplice scopo: promuovere in modo diverso, artistico e raffinato, un utilizzo più attento e responsabile dell’acqua potabile nel rispetto dell’ambiente circostante e si propone di riannodare quel legame tra arte e impresa che, complice la crisi economica e finanziaria, in questi ultimi anni si è un poco allentato».

Le opere pittoriche presentate al concorso sono state ben 49 ed è significativo constatare come il tema acqua metafora di vita possa allo stesso tempo dare origine a raffigurazioni tanto personali quanto evocative di emozioni universali. Una giuria di esperti, composta da Carlo Fabrizio Carli, Rita Ceresoli e Raffaello Brunasso, ha selezionato i lavori di trenta artisti, compiendo una scelta tutt’altro che semplice, considerato il livello artistico dei partecipanti di cui riportiamo nella tabella i primi dieci classificati.

Tutte le opere degli artisti sono rimaste esposte fino al 27 maggio presso il Palazzo della provincia in via Tasso, data in cui la mostra è divenuta itinerante per tutto il territorio Orobico. Con la collaborazione delle delegazioni Ascom, trenta opere selezionate saranno esposte nelle vetrine degli esercizi commerciali in diverse località della provincia.

«Questa iniziativa vuole riaffermare il rapporto profondo che lega l’azienda al territorio, un cordone ombelicale che passa attraverso i comuni soci, dalla montagna alla pianura, dall’Adda all’Oglio all’ultimo rubinetto domestico» spiega Paolo Franco.

«Oltre a valorizzare la ricchezza artistica e storica dei centri minori presenti nella provincia – aggiunge il critico d’arte Carlo Fabrizio Carli – l’iniziativa stimola il dibattito artistico contemporaneo alla riscoperta della disciplina pittorica come potente forma espressiva d’attualità

Francesco Cocca

 

Foto:

> 1° Classificato ACQUEDOTTO FLUSSO VITALE Arosio Ezio - Lissone (MB) -Tecnica mista, 80x100 cm

Se la soglia è un inizio, allora, Arosio dipinge l’inizio di un’occasione.Il suo acquedotto, là dove il reticolo viene interrotto, dà luogo ad una soglia ed insieme a un sogno.A fare da soglia il varco nella muratura, e la possibilità di una lettura altra rispetto a quella della facile ferita. Oltre alla ferita c’è, infatti, la feritoia, vale a dire lo spazio della possibilità.Lasciare andare o ricostruire? Attendere o iniziare?Del sogno il tratto sembra ricostruire atmosfera e frammenti.Del sogno la struttura fa qui certamente un’offerta senza promessa, ma prima di tutto il principio di una riflessioneQuelli della soglia e del sogno sono luoghi difficili insidiosi, ma spazi, e quindi luoghi in cui è possibile realizzare, completare, riparare, trasformare e constatare, per esempio, che l’essere può nascere dal non avere e che l’acquedotto, oltre che condurre, può aprire, facendosi simbolo e spartiacque che oltre a dividere può anche alimentare.

> 2° Classificato

GIOCHI D’ACQUA Macella Giuseppe, Saronno (VA) - Tecnica mista su tavola - 70x80 cm

> 3° Classificato

NASCITA DI UN FIORE Filippi Luciano - Rimini - Tecnica mista - 70x80 cm

 

Tappe della mostra itinerante

> 13 / 27 maggio Bergamo presso Spazio Viterbi

> 1 / 11 giugno Trescore Balneario

> 14 / 25 giugno Sarnico

> 28 giugno / 9 luglio Lovere

> 12 / 23 luglio Clusone

> 26 luglio / 6 agosto Castiglione della Presolana presso struttura Comunale

> 9 / 19 agosto Oltre il Colle presso struttura Comunale

> 23 agosto / 3 settembre Zogno

> 8 / 17 settembre Albino

> 22 settembre / 1 ottobre Romano di Lombardia

 

Opere premiate

1° premio: Acquedotto Flusso Vitale di Ezio Arosio

2° premio: Giochi d’Acqua di Giuseppe Macella

3° premio: Nascita di un Fiore di Giuliano Filippi

4° premio: Pretiosa di Giorgio Centovalli

5° premio: Metamorfismo di Edi Brancolini

6° premio: Stato della Materia di Luca Gobbetti

7° premio: 500 Gocce di Vita di Stefano Berardino

8° premio: Atmosfera di Lago Lombardo di Giampaolo Ballerini

9° premio: Racconti di Tino Rusconi

10° premio: Una Goccia d’Acqua dà Vita di Mauro Capelli

Sul sito di UniAcque (www.uniacque.bg.it) è possibile consultare il catalogo della mostra, contenente immagine e descrizione di tutte le 49 opere partecipanti

Luglio 2017

Articoli Correlati

Come uscire dal carbone secondo uno studio del WWF
Lo studio commissionato dall’associazione ambientalista dimostra che entro il 2050 l’...
Chagall
A Milano le mostre multimediali dedicate a Klimt e Chagall Alla fine degli anni Venti, l’...
Il valore di essere in tanti copertina
La metafora di un mondo che, se unito, può contare. È questo il valore che mi piace...
Bergamo smart land
La Provincia verso un territorio sempre più efficiente che punta alla mobilità...