feedFacebookTwitterlinkedinGoogle+

infoSOStenibile

Villa d’Almè SOStenibile: Mobility day e non solo

Villa d’Almè SOStenibile: Mobility day e non solo

Il 13 settembre la prima giornata dedicata alla mobilità sostenibile organizzata con il mensile infoSOStenibile e Fcs mobility

In occasione della Settimana Europea della Mobilità Sostenibile, l’Amministrazione comunale di Villa d’Almè in collaborazione con il periodico infoSOStenibile e col la collaborazione tecnica di Fcs Mobility ha realizzato uno spazio dedicato alla mobilità sostenibile all’interno della giornata della Festa della Consulta Associazioni di Villa d’Almè che si terrà domenica 13 settembre.

Un evento nell’evento che arricchisce la manifestazione con svariate attività tutte all’insegna del rispetto dell’ambiente e della cura nei confronti del mondo che ci circonda, secondo la mission del nostro giornale: la promozione di stili di vita e d’impresa sostenibili e la divulgazione di buone pratiche nella mobilità, nell’alimentazione e salute, nella green economy, nella formazione scolastica e nelle politiche di attenzione all’ambiente.

L’Amministrazione di Villa d’Almè, dopo la firma del Patto dei Sindaci sottoscritto nel 2013, si è assunta l’impegno di perseguire azioni a favore della riduzione delle emissioni di CO2. Tra gli obiettivi del Piano d’Azione per l’Energia Sostenibile (PAES), uno dei principali è senza dubbio quello riguardante la mobilità.

Il territorio, per posizione geografica e per carenza di infrastrutture di collegamento extraurbano adeguate, soffre quotidianamente le conseguenze di un traffico congestionato. Per favorire un miglioramento delle condizioni generali, è fondamentale puntare dunque su tutte quelle azioni semplici che, partendo dal basso, possono essere adottate da ogni singola persona, azienda o ente, al fine di migliorare lo stile di vita e l’impatto sull’ambiente.

Durante la giornata del 13 settembre, una serie di iniziative e di stand espositivi mostreranno le opportunità di una mobilità alternativa rispetto al tradizionale e dilagante uso dell’automobile, con dimostrazioni e prova di mezzi elettrici, bici tradizionali elettrificate (retrofit), grazie alla partecipazione di FCS Mobility, azienda bergamasca che con Nissan Italia è da sempre impegnata nell’ambito della mobilità a impatto zero.

Tra le iniziative più originali le degustazioni di “polenta pedalata”, che grazie all’utilizzo dell’energia più sostenibile e più naturale possibile, quella delle proprie gambe, propone di cimentarsi nella preparazione della polenta…semplicemente pedalando!

Le degustazioni saranno accompagnate da prodotti di consorzi di piccoli produttori locali, per dimostrare che, anche quando andiamo a fare la spesa, possiamo optare per un sistema di trasporto e di distribuzione meno impattante sull’ambiente, favorendo l’acquisto di prodotti a km zero. In giornata a Villa d’Almè farà tappa il raduno nazionale di veicoli elettrici e si illustreranno i risultati della sperimentazione relativa all’utilizzo di mezzi elettrici per i servizi comunali avvenuta nelle giornate precedenti all’iniziativa.

Il Comune di Villa d’Almè ha infatti sperimentato per 48 ore l’impiego di tre veicoli a zero emissioni (2 vetture e 1 mezzo da lavoro) per lo svolgimento delle quotidiane attività d’ordinaria “amministrazione”, come la raccolta differenziata porta a porta, piccole manutenzioni sul territorio, gli spostamenti per i servizi sociali, il rifornimento di esercizi commerciali e per le tipiche attività quotidiane comunali. I dati emersi (che verranno pubblicati sul sito del Comune) verranno confrontati con quelli dei veicoli tradizionali normalmente usati dal Comune dimostrando l’effettivo beneficio che l’utilizzo di tali mezzi porterebbe alla qualità dell’aria del comune di Villa d’Almè e alle sue finanze.

Un veicolo elettrico ha, infatti, una manutenzione quasi nulla. Il tagliando comporta solo la sostituzione del filtro dell’aria condizionata, se ne è dotato. Non ci sono oli, filtri motore, non c’è frizione né cambio insomma si azzerano tutte quelle voci che incidono pesantemente sui costi di gestione di cui il comune si fa carico. Sempre più amministrazioni locali si stanno dotando di veicoli elettrici traendone benefici ecologici ed economici, dando inoltre un messaggio chiaro alla propria cittadinanza: rispettare l’ambiente vuol dire fare del bene alla natura, all’aria che respiriamo, ma anche alle nostre tasche.

Valeria Cattaneo

 

Approfondimento: Il Patto dei Sindaci è il principale movimento europeo che vede coinvolte le autorità locali e regionali impegnate ad aumentare l’efficienza energetica e l’utilizzo di fonti rinnovabili nei loro territori. I firmatari del Patto intendono raggiungere e superare l’obiettivo europeo di riduzione del 20% delle emissioni di CO2 entro il 2020.

 

Settembre 2015

Articoli Correlati

Settimana Europea della Mobilità. Come spostarsi nell'era post-Covid?
A settembre torna l’appuntamento europeo annuale. Focus sulla mobilità del futuro e sulle...
Adelante, con juicio
Mobilità in transizione… ecologica. Accelerare le soluzioni, per rallentare i ritmi...
Mare chiama terra. È tempo di invertire la rotta
Riportare i mari europei a un buono stato ambientale: obiettivo mancato. L'allarme dell'...
Tavoli e piante in Piazza Vecchia come simbolo di rinascita
Torna anche quest'anno a Bergamo “I Maestri del Paesaggio”. Nell'incontro tra natura e...