feedFacebookTwitterlinkedinGoogle+

infoSOStenibile

Primavera con “Us da le as”

Primavera con “Us da le as”

È già in corso il secondo atto di “Us da le as”, la stagione teatrale vernacolare dedicata a tutti i bresciani: le “voci dalle assi” del palco sono quelle delle compagnie da tutta la provincia che continuano a raccogliersi per regalare alla città un sorriso dal buon sapore della genuina tradizione popolare.

L’impegno e le energie in gioco sono notevoli: 52 compagnie e 12 teatri parrocchiali coinvolti, il tutto coordinato dall’associazione Palcogiovani e patrocinato dal Comune di Brescia, con la collaborazione di Fondazione Asm e Vini & Cucina bresciana, nonché di Radio MilleNote e infoSOStenibile. 

La risposta del pubblico non manca: “Us da le as” è infatti alla sua dodicesima edizione e prosegue per tutta la primavera.

Ripercorriamo intanto la scaletta degli appuntamenti del mese: la rassegna El sabot nom a teatro (presso il teatro della parrocchia Cristo Re) giunge a conclusione domenica 3 marzo, con “La fòmna, per santa che la sia, la bat el diàol en fürberia” della compagnia Il gabbiano; altrettanto vale per la rassegna El piazér del dialèt (presso il cinema-teatro Sereno), che chiude domenica 17 marzo con “O de rinf o de ranf” della compagnia I caicì de Inzì;

cinque appuntamenti, invece, sono previsti per la rassegna A teàter en métro (presso il teatro dell’oratorio Santa Angela Merici), per i cinque sabati del mese, con gli spettacoli “I rusteghi” della compagnia Rapoceldone, “Che ghàrai mitìt déter? Endoè?” della compagnia Ghe sum a noter, “Pota, fa chi” della compagnia GTO ars et labor, “L’è nàda zó de có” della compagnia Il risveglio ed “El bigamo” della compagnia Chèi del formai; tre spettacoli,

infine, per la rassegna Sant’Afra de sàbot (presso il teatro della parrocchia di Sant’Afra), che sono domenica 10 marzo “Beghe, bazì e bacalà” della compagnia Il germoglio, domenica 24 marzo “Gh’è pö i mestér dè ‘na ólta” della compagnia I balù de Gardù e domenica 31 marzo “Ciribiribìn show” della compagnia Teatro buffo degli Anciens prodiges. E da non perdere è pure il concorso di poesia sostenuto da Confagricoltura, “El piò en vèrs”, la cui nona edizione si terrà in aprile. 

A.E.O.

Marzo 2019

Articoli Correlati

Nel periodo natalizio il mandarino viene usato non solo in cucina, ma anche a scopo...
Il cavolfiore, detto anche cavolo fiore o cavolo bianco, era considerato sacro dagli...
All'interno dell'iniziativa “I mercati degli agricoltori per il benessere della comunità...
Dal blog di Rosangela Pesenti un testo intenso e intriso di significato per la Giornata...