feedFacebookTwitterlinkedinGoogle+

infoSOStenibile

Per filo e per sogno. Lino e canapa superstar

A Paladina la 15ª edizione della fiera mercato del tessile sostenibile. L'approfondimento sulle potenzialità di due tessuti 100% naturali

Domenica 11 novembre 2018, presso il Centro Sportivo di Paladina si è tenuta la 15ª edizione della Fiera mercato del Tessile biologico ecologico “Per filo e per sogno”, organizzata dai Gruppi di acquisto solidali GASP di Ponte San Pietro, AltroGAS Fontana (Bergamo), GAS di Paladina, in collaborazione con l'associazione Mercato&Cittadinanza e con il patrocinio del Comune di Paladina (BG).
Inaugurata nel 2011 a Ponte San Pietro, la fiera mercato itinerante “Per filo e per sogno” nasce dall'esigenza sempre più diffusa di affrontare in chiave sostenibile i temi del tessile, dell'abbigliamento e della moda. Toccare con mano e provare i capi d’abbigliamento, sceglierne le taglie e i colori, ascoltare i produttori mentre raccontano dei metodi di lavorazione e descrivono i motivi che hanno portato all’utilizzo di fibre naturali biologiche, tinte con coloranti vegetali o naturali: è questo il modo migliore per apprezzare le qualità di una stoffa e conoscerne la storia, il lavoro, le scelte di equità e trasparenza di chi la produce. E, soprattutto, per consumare con sguardo critico ed etico.

Alla scoperta di lino e canapa

L'edizione autunnale 2018 della fiera si è concentrata in particolare sull'approfondimento di due fibre, lino e canapa, della cui lavorazione il territorio bergamasco porta ampie tracce. Oscar Locatelli, presidente del Parco dei Colli e Roberto Capelli, responsabile divisione impianti del Linificio Canapificio Nazionale di Villa d'Almè (fondato a fine Ottocento a Villa d’Almè e oggi leader mondiale nella produzione di filati di lino e di canapa) hanno infatti illustrato la filiera del lino e della canapa, dalla coltivazione alla lavorazione, con riferimento al recente progetto “Lino ad Astino: tradizione, cultura e innovazione” promosso nella Valle della Biodiversità di Astino: nato nel 2018 dalla collaborazione tra l’Orto Botanico Lorenzo Rota, il Parco regionale dei Colli di Bergamo, la Fondazione MIA, l’Associazione Produttori Agricoltori Biologici della Valle d’Astino e il Linificio e Canapificio Nazionale.

La bergamasca ha una lunga tradizione nell'uso del lino e della canapa a scopo tessile: con il lino venivano fatti i primi vestiti e la canapa è una fibra robustissima. Non solo: entrambe sono piante molto versatili, perché possono essere usate in campo alimentare, tessile e di arredamento e costituiscono la base per filati ad alte prestazioni meccaniche in alternativa a composti in fibra di vetro o carbonio. Sono piante di cui non si butta via niente, sono sostenibili e facili da coltivare.

A oggi, l'80% della produzione globale avviene in Europa: le piantagioni ogni anno assorbono 250.000 tonnellate di CO2 e la coltivazione di queste specie vegetali non richiede pesticidi o irrigazione. Inoltre l'energia utilizzata per la produzione della fibra è dal 4 al 10% di quella che sarebbe necessaria per la produzione delle fibre sintetiche (in MJ/KG) e non esistono sprechi o rifiuti di produzione: tutto lo scarto del processo produttivo della fibra viene riutilizzato come materia prima secondaria.

Mostre e laboratori per tutti

Durante la fiera, i visitatori hanno potuto apprezzare i prodotti in esposizione realizzati con materie prime e lavorazioni che rispettano l'ambiente e il lavoro, gli articoli di ri-uso e ri-ciclo: capi di abbigliamento in lana, cotone, lino e canapa, abiti, jeans, scarpe, cuscini, creazioni artistiche, calze, asciugamani, intimo, sciarpe e guanti. Molto partecipati i laboratori - come quello dedicato all'uso del telaio a mano o della macchina da cucire – e la mostra fotografica sui campi della Valle d'Astino, grazie all'associazione il Cavaliere Giallo, mentre anche per il 2018 è proseguita la collaborazione con la libreria Spazio Terzo Mondo di Seriate, che ha proposto libri a tema e per bambini.

Cinzia Terruzzi

Dicembre 2018

Articoli Correlati

Economia Solidale e Sociale: verso una legge regionale
Nei mesi scorsi è stato avviato il percorso per una proposta di legge regionale sull’...
Hunting pollution
È a Roma il più grande murales ecologico d’Europa Questa storia si intitola “Hunting...
Balena grigia
Dal Circolo Polare Artico al New Mexico per riprodursi nel santuario della fauna...
Reverie 1897, copyright(C) 2018 Mucha
Un percorso espositivo alla scoperta dell’artista ceco protagonista della Belle Époque...