feedFacebookTwitterlinkedinGoogle+

infoSOStenibile

Parchi da sogno

Il richiamo della natura fa crescere il turismo nel verde

Più ce ne allontaniamo più ne abbiamo bisogno. Un senso di relax o di scoperta, di bellezza e di incanto, di avventura o di intima connessione con il pianeta, con i suoi ritmi, stagioni, colori, odori e vedute mozzafiato: è la natura, che tanto plasma e rende piacevole il nostro mondo, ma che tuttavia ci ostiniamo a limitare e circoscrivere, quando non proprio distruggere e modificare irreparabilmente. Con le vacanze estive in particolare, ma in realtà durante tutto l’anno, pensando alle mete più ambite per ideali gite fuori porta o per viaggi di più giorni, spesso la mente corre verso ambienti il più possibile naturali, immersi in contesti di suggestiva bellezza paesaggistica. Scenari che spaziano, a seconda delle inclinazioni e delle preferenze personali, dalla natura più selvaggia a località agresti o rurali curate e gestite dall’uomo, ma sempre in profonda sintonia con la terra e la natura. Parchi botanici, parchi nazionali ma anche semplici parchi verdi e ciclabili con percorsi o attrazioni più o meno organizzate, sono sempre più considerati anche come vere e proprie mete d’interesse turistico: il numero di persone al mondo che visita i parchi si aggira sugli otto miliardi all’anno, segno che il fenomeno è di rilevanza economica, oltre che ambientale. Anzi, l’unione dei due aspetti non è da sottovalutare perché consente – o consentirebbe, se fossimo meglio capaci di promuoverli – di preservare quella biodiversità di flora e fauna e quegli habitat naturali che poco alla volta vengono erosi dall’attività umana. Invertire la tendenza del rapporto fra natura e urbanizzazione e fare dei paesaggi naturali una meta attrattiva e magari economicamente sostenibile, con le dovute modalità per usufruirne nel completo rispetto delle caratteristiche ambientali, potrebbe essere una sfida da cavalcare per un futuro in cui i parchi non costituiscano solo un sogno esotico o un mondo riservato a prodi avventurieri, ma un contesto di frequente accesso, in cui trascorrere il proprio tempo libero e, nei migliori casi, riuscire a far convivere natura e attività umana in una simbiosi tanto necessaria quanto piacevole e stimolante.

Nel mondo esistono già parchi da sogno, spesso visitati come destinazioni turistiche di grande pregio, di cui raccontiamo nelle prossime pagine. In Italia e in Lombardia le potenzialità ancora inespresse di questo ambito sono enormi, grazie anche al nostro patrimonio di biodiversità ambientale, oltre che storico e culturale. Prendiamo esempio dai grandi parchi americani e inglesi e caliamoli nella realtà della nostra penisola, già di per sé turisticamente attraente. Ma non solo: con uno sforzo in più, soprattutto quanto a capacità di cura, gestione e organizzazione del verde, parchi e natura possono diventare compagni non tanto di viaggio, ma di vita quotidiana. Lo sforzo organizzativo e di gestione, che in Italia non è chiedere poco, è sicuramente impegnativo, ma lo sforzo primario è di cambiamento culturale, confidando di riuscire prima o poi a invertire il valore che fatalmente attribuiamo a uno sbilanciato rapporto uomo natura.

Diego Moratti

Luglio 2018

Articoli Correlati

Economia Solidale e Sociale: verso una legge regionale
Nei mesi scorsi è stato avviato il percorso per una proposta di legge regionale sull’...
Le allergie primaverili. Un problema diffuso
Consigli su come affrontarle con gli antistaminici Sono davvero molte le persone che...
Fragola
Il frutto privilegiato del Re Nella Francia del 1700 Luigi XIV ne ordinò la coltivazione...
Crescione
La pianta spontanea Già dai tempi dei romani il Crescione era considerato un toccasana...