feedFacebookTwitterlinkedinGoogle+

infoSOStenibile

Mela

Mela

Peccato non mangiarla

Che la mela sia il frutto del peccato originale non è una novità, ma è molto difficile biasimare la povera Eva per la sua incapacità di resistere alla tentazione di assaporarne una.

Oggi sappiamo bene che il vero peccato è non consumare almeno una mela al giorno, viste le sue innumerevoli potenzialità per la nostra salute.

Oltre ad allontanare la compagnia del personale sanitario, di cui tutti noi facciamo volentieri a meno, pare proprio che le mele aiutino a sbarazzarsi anche di altre indesiderate compagnie.

È il caso del colesterolo, ma anche degli odiati chili di troppo. Il segreto delle straordinarie proprietà di questo gustoso frutto è nascosto nella pectina, una fibra solubile di cui sono ricchissime.

Questo polisaccaride indigeribile aiuta, come accennato in precedenza, a controllare i livelli di colesterolo, poiché la pectina, in quanto regolatore del transito intestinale, contribuisce a eliminare il dannoso colesterolo che, proprio nell’intestino, rischierebbe di soggiornare troppo a lungo.

Questa preziosa fibra è un ottimo alleato anche per i soggetti diabetici, perché è in grado di ridurre la concentrazione di glucosio nel sangue.

Per quanto riguarda i chili di troppo, le mele ci aiutano a combatterli godendo di un basso contenuto di zuccheri e di proteine, ma soprattutto grazie al loro elevato potere saziante: ne viene infatti consigliato il consumo quando siamo colti da un irresistibile e vorace appetito. Infine, si segnala che la mela è ricca di potassio e di vitamina B1 e B2, che combattono la stanchezza e il nervosismo, facilitano la digestione, proteggono le mucose della bocca e dell’intestino e rinforzano unghie e capelli. S

econdo recenti studi americani sarebbe consigliabile mangiare la mela con la buccia, ovviamente dopo averla sottoposta a un accurato lavaggio.

La buccia avrebbe infatti delle proprietà antitumorali, poiché contiene triterpenoidi, capaci di diminuire il rischio di sviluppo di tumori in particolare al fegato, colon e seno.

Un requisito importante e irrinunciabile delle mele è la loro freschezza. Con il passare del tempo il contenuto di acqua e vitamine del frutto decade progressivamente, rendendolo meno croccante e salutare. Un buon criterio è quello di valutarne la buccia: quando si presenta lucida e tesa, a protezione di una polpa compatta, significa che il frutto è stato conservato nel modo migliore; al contrario, una buccia raggrinzita, come le rughe sul viso di una persona, indica che i tempi della giovinezza sono ormai un ricordo lontano.

 

La ricetta - Crema di mele allo zenzero

Ingredienti

• 9 mele renette

• 4 arance da spremere

• 1 radice piccola di zenzero fresco

• 150 gr di zucchero 

Preparazione

Sbucciate lo zenzero e tagliatelo in pezzi grandi; sbucciate anche le mele, tagliatele e mettete tutto in una pentola.

Unite poi il succo d’arancia e lo zucchero e mettete sul fuoco moderato.

Fate cuocere e mescolate fino a che le mele non saranno disfatte; assaggiate ed eventualmente aggiungete dell’altro succo d’arancia.

Ecco pronta la crema. A questo punto eliminate i pezzetti di zenzero e frullate il tutto. Servite la crema di mele allo zenzero calda o fredda a piacere.

Si consiglia inoltre di spolverarla con un po’ di granella di mandorle per renderla ancor più deliziosa, oppure di guarnire con panna montata o yogurt greco.

 

 

 

 

Febbraio 2017

Articoli Correlati

Economia Solidale e Sociale: verso una legge regionale
Nei mesi scorsi è stato avviato il percorso per una proposta di legge regionale sull’...
Screpolature da freddo. Un fastidio che si può prevenire
Tagli e secchezza sulle labbra e sulle mani possono rendere l'inverno difficile da...
“Anthropoceano”, il primo murales mangia-smog di Milano
L'opera d'arte è realizzata con pittura Airlite capace di assorbire anidride carbonica e...
Australia in fiamme. La “Chernobyl della crisi climatica”
La terra dei canguri messa in ginocchio dai roghi. Ma la politica continua a scegliere il...