feedFacebookTwitterlinkedinGoogle+

infoSOStenibile

Lombardia, esempi di rigenerazione che funzionano

macao

L'esperienza di Macao e l'Eco Frazione di Baggero. Due tentativi (riusciti) di rigenerazione partita dal basso

Valorizzazione delle risorse locali, capacità di connettersi ai bisogni locali, innovazione e ibridazione per modelli abitativi nuovi, costruzione di un rapporto costruttivo tra pubblico e privato attraverso l’idea di bene comune, temporaneità degli usi come strategia per il mantenimento del bene, coinvolgimento della comunità in una prospettiva di cittadinanza attiva e sussidiarietà circolare sono solo alcuni degli elementi che stanno alla base della sfida della “rigenerazione”. Lo dimostrano due esempi emblematici lombardi che hanno come elemento comune la partenza dal “basso”, il desiderio di costruire dei “luoghi” attraverso il recupero di edifici dimenticati.

L'esperienza di Macao a Milano

Macao è un centro di aggregazione culturale che ha preso possesso dell’ex borsa del macello del Comune di Milano: un edificio inserito in mezzo a una stecca di otto palazzine abbandonate e con alle spalle una delle aree dismesse di proprietà pubblica più grande d’Europa. È un luogo dove si cerca un nuovo modello di convivenza civica, che dia strumenti e opportunità per mettere al centro della vita di ognuno la creatività e l’arte, quali strumenti per disegnare la propria vita quotidiana, forse a perseguire il motto “ognuno è un artista, nel senso che può rendere la propria vita un’opera d’arte” di J. Beyus. Oggi questo spazio è recuperato dagli stessi occupanti senza un accordo con la proprietà.

Il Comune, sebbene Macao abbia avanzato una proposta di acquisto dello spazio, offre alla cittadinanza la possibilità di accedere gratuitamente a spazi gestiti stabilmente da diverse realtà: la Falegnameria del progetto Ebony (gestita da un collettivo di richiedenti asilo), la Sala Cinematografica (Cinemacello), l’Atelier di arti visive, il Laboratorio di Tattoing (Inksist), un Hack Lab (Unit), un laboratorio di sartoria (Serpicanaro), un laboratorio di murga (Glamurga-Macao), un Queer Lab, una sala prove e registrazione musicale e uno studio di post-produzione audio. Il tutto gestito da un’assemblea aperta a chiunque sia interessato, dove definire programmi e iniziative di questa nuova istituzione culturale. 

Inoltre Macao ha attivato un percorso di ricerca sulle economie alternative (con la sperimentazione di una cripto moneta) e attivato collaborazioni con altri beni comuni culturali rigenerati in Italia, sia con varie istituzioni culturali italiane che europee, curatrici di Festival.

Eco Frazione di Baggero

L'Eco Frazione di Baggero nasce dall'azione di un privato, che decide di recuperare un vecchio mulino lungo l’asta del fiume Lambro in provincia di Como, come primo tassello di un’operazione che contempla sia l’aspetto culturale di difesa e rigenerazione del paesaggio, sia la dimensione economica dell’impresa. Un primo step di interventi è servito a per riattivare la ruota del mulino come generatore della centrale elettrica, pensata a supporto dello sviluppo successivo legato al recupero e rilancio dell’intero abbandonato.

A questo è stato affiancato il recupero del sistema ambientale in cui è inserito, anch’esso caratterizzato dalla dismissione delle cave di marna che servivano al locale cementificio. Il progetto dell'Eco Frazione è centrato sulla contemporanea riattivazione di un turismo green (profit), sull’offerta per la comunità di spazi per l’apprendimento con attività per le scolaresche e organizzazione di convegni (no profit) e sulla valorizzazione dei prodotti locali, con l’avvio di produzioni di insalate e verdure naturali presso la Cascina Canova.

L'attivazione di questo progetto è stata in grado di indirizzare risorse di altri attori alla realizzazione di opere a supporto del progetto: prima tra tutte, la sistemazione della stazione ferroviaria di Merone da parte di Ferrovie Nord, ma anche la sistemazione dei percorsi naturalistici nel bosco da parte del Parco Valle del Lambro.

Davide Fortini

Luglio 2019

Articoli Correlati

Economia Solidale e Sociale: verso una legge regionale
Nei mesi scorsi è stato avviato il percorso per una proposta di legge regionale sull’...
I muri della gentilezza per donare vestiti a Bologna
Un’iniziativa per aiutare i bisognosi ad affrontare l’inverno. A Bologna ma anche in...
Pera
Il frutto più delicato Frutto molto amato per il suo sapore dolce e delicato, la pera ha...
Aglio
Il grande curatore L’aglio è tra gli ingredienti dalle proprietà curative più forti e...