feedFacebookTwitterlinkedinGoogle+

infoSOStenibile

La città di Bruxelles campionessa di sharing mobility

La città di Bruxelles campionessa di sharing mobility

Seconda solo a Parigi, la capitale belga è tra le città europee con la maggiore offerta di mobilità condivisa

Una smart city non può definirsi tale senza un'efficiente rete di sharing mobility. Da questo punto di vista, Bruxelles è una delle città più virtuose d'Europa: seconda classificata solo dopo Parigi, la capitale belga mette a disposizione dei propri cittadini e dei turisti una vasta gamma di mezzi di trasporto in condivisione, riducendo notevolmente l'impatto automobilistico sulla città.

Parlano i numeri

Nel 2017 sono state calcolate 42 biciclette, 8 automobili e 0,6 scooter in sharing ogni mille abitanti. Nel 2018 si è fatto un ulteriore passo avanti introducendo anche vari servizi di condivisione di monopattini elettrici, ormai parte integrante del panorama urbano.

È soprattutto per il bike sharing che Bruxelles si distingue positivamente sulle altre capitali europee: oltre a essere tra le più dense del continente, infatti, la sua offerta di biciclette condivise è anche tra le più economiche.

La stessa viabilità della città è pensata per essere bike-friendly, al pari di città come Amsterdam e Copenaghen: le piste ciclabili sono praticamente ovunque, puntualmente indicate sia dalla segnaletica orizzontale che da quella verticale.

È anche per questo che, nonostante i faticosi e inevitabili sali-scendi di Bruxelles, moltissimi sono i belgi che scelgono di spostarsi in bici.

Sempre più diffusa nella capitale è anche la speed pedelec, la bicicletta con pedalata assistita, già molto utilizzata nelle Fiandre e anch'essa messa a disposizione da numerosi servizi di sharing, tra cui persino Uber, che l’anno scorso ha lanciato in Belgio la sua Jump rossa fiammante.

Il successo della politica di sharing brussellese è dimostrato dal fatto che nella capitale solo una famiglia su due possiede un'auto di proprietà. Facendo affidamento sugli sviluppi tecnologici degli ultimi decenni, è quindi importante muoversi in questa direzione, non solo per comprimere il traffico automobilistico, ma anche e soprattutto per ridurre l'inquinamento ambientale.

Laura Spataro

Marzo 2020

Articoli Correlati

Economia circolare
Greenthesis Group ha sottoscritto un accordo con Circular Economy Lab, iniziativa di...
Rifò
In occasione della Giornata Mondiale dell’Ambiente, il giovane brand di moda con sede a...
Giornata Mondiale dell’Ambiente
Il 5 giugno è il giorno scelto dall’ONU per portare all’attenzione di tutti i problemi e...
Da uno studio effettuato da Cikis , società di consulenza sulla sostenibilità, solo il 39...