feedFacebookTwitterlinkedinGoogle+

infoSOStenibile

Il mio negozio sostenibile in città

Il mio negozio sostenibile in città

Parte il progetto“SonoSostenibile”che mira a coinvolgere le attività commerciali della città. Il marchio già nel 2014

Centro commerciale o negozi in città? Le abitudini cambiano in base alle comodità, alla moda, alle esigenze e, soprattutto i più giovani, le “vasche” il sabato pomeriggio le fanno trottolando su e giù dalle scale mobili di Orio Center. Sicuramente è un modo per ritrovarsi, avere un punto d’incontro da far diventare un “Luogo”. Eppure tra gli spazi che hanno la prerogativa di non essere identitari, relazionali e storici, l’antropologo francese Marc Augé pone in prima linea i centri commerciali, “Non-Luoghi” per eccellenza. La società e la socialità hanno origine nelle piazze e nelle strade, non dovremmo dimenticarlo. Sarebbe utopico anche solo pensare di riavvicinare i cittadini alle nostre piazze e alle nostre strade prescindendo dall’aspetto commerciale e dalle esigenze comuni. Occorre quindi che i nostri negozi acquisiscano quel valore aggiunto che possa spezzare il circolo della recessione e delle saracinesche abbassate per dare valore al prodotto e alle relazioni, permettendo una scelta consapevole nella direzione della qualità. Il progetto “Sono Sostenibile” promosso dal Comune di Bergamo, Confesercenti e Ascom si muove in questa direzione: coinvolgere nella sfida della sostenibilità ambientale le attività commerciali della città di Bergamo. Durante la conferenza stampa del 24 maggio scorso, in occasione del Festival dell’Ambiente, sono state presentate le linee guida di quest’iniziativa. L’assessore all’ambiente Bandera precisa: «Già nel 2011 Bergamo ha aderito alla campagna PAES, il Piano d’Azione per l’Energia Sostenibile, che si inserisce nell’iniziativa europea Patto dei Sindaci. L’impegno delle città aderenti è di ridurre di oltre il 20% le emissioni di gas serra attraverso politiche e azioni che aumentino il ricorso a fonti di energia rinnovabile. Ci stiamo muovendo in questa direzione già da diversi anni e i progressi sono evidenti. Tuttavia il settore commerciale è sempre rimasto fuori da questo percorso, soprattutto per i complessi meccanismi economici da cui dipende. Con il progetto “Sono Sostenibile” si vuole raggiungere quella sinergia virtuosa che, coinvolgendo cittadini e commercianti, porti ad una vera rivoluzione ecologica a 360 gradi». Il progetto nasce come una sfida: promuovere nei negozi il concetto di sostenibilità ed eventualmente premiare questa adesione con sgravi fiscali. Gli obiettivi principali sono far emergere la sempre maggiore consapevolezza e sensibilità dei cittadini sul tema e far conoscere le possibilità che le nuove tecnologie ecocompatibili offrono all’immagine stessa del negozio. Si cerca quindi di coadiuvare la domanda crescente dei cittadini di prodotti che rispettino l’ambiente e l’offerta dei negozi per rispondere a questa necessità. Il primo passo del progetto consiste in una ricerca che entro breve farà il punto sulla sensibilità ecologica dei negozianti della città. Poi verrà messo a punto il bando di partecipazione “Sono sostenibile”, finanziato da Bergamo Sviluppo. A ottobre prenderanno il via i corsi di formazione aperti a tutti i referenti degli esercizi commerciali, che riceveranno i suggerimenti e le indicazioni per rendere concretamente più sostenibile ogni attività. Infine, a inizio 2014, le domande verranno valutate da una commissione speciale e saranno rilasciati i marchi di qualità “Sono Sostenibile”.

Mara D’Arcangelo

 

Marzo 2013

Articoli Correlati

Economia Solidale e Sociale: verso una legge regionale
Nei mesi scorsi è stato avviato il percorso per una proposta di legge regionale sull’...
Screpolature da freddo. Un fastidio che si può prevenire
Tagli e secchezza sulle labbra e sulle mani possono rendere l'inverno difficile da...
“Anthropoceano”, il primo murales mangia-smog di Milano
L'opera d'arte è realizzata con pittura Airlite capace di assorbire anidride carbonica e...
Australia in fiamme. La “Chernobyl della crisi climatica”
La terra dei canguri messa in ginocchio dai roghi. Ma la politica continua a scegliere il...