feedFacebookTwitterlinkedinGoogle+

infoSOStenibile

Facile come... recuperare oggetti di scarto

Logo Ruah

Inaugurato il Laboratorio del Riuso gestito da Ecosviluppo in collaborazione con cooperativa Ruah. E da dicembre un Ecovan nei mercati della città di Bergamo

Il mese di novembre ha visto la partenza ufficiale di importanti progetti a favore della cittadinanza per far fronte agli sprechi della città di Bergamo.

Tra i numerosi interventi c’è il “Laboratorio del riuso”, inaugurato sabato 18 novembre all’interno della piattaforma ecologica di via Goltara.

Si tratta di uno spazio attrezzato dove i cittadini possono portare mobili, giocattoli, abiti, libri e più in generale oggetti riutilizzabili attraverso piccole riparazioni, così da prolungarne il ciclo di vita, prima che diventino rifiuti.

Il Laboratorio, così come l’intera isola ecologica, è gestita dalla cooperativa EcoSviluppo. Nella scelta dei beni da recuperare tra quelli consegnati dai cittadini gli operatori della cooperativa saranno affiancati dai volontari richiedenti asilo accolti dalla Caritas Diocesana Bergamasca e dalla Cooperativa Ruah.

Tutti i beni recuperati presso il Laboratorio del Riuso saranno poi passati al Laboratorio Triciclo, gestito dalla Cooperativa Ruah, per essere venduti nel nuovo negozio inaugurato venerdì 24 novembre presso la nuova sede in via Cavalieri di Vittorio Veneto 14.

Un altro aspetto interessante di questa iniziativa, oltre alla possibilità di salvare oggetti che possono ancora avere una seconda vita, sta nel fatto che il ricavato della vendita degli oggetti riparati sarà devoluto a una cooperativa di donne del Senegal che, grazie al loro lavoro di coltivatrici di orti, contribuiscono al sostentamento della popolazione.

L’assessore all’Ambiente Leyla Ciagà ha sottolineato: «questo progetto riveste una grande importanza sotto diversi aspetti. Sicuramente sotto quello ambientale, poiché riduce il numero dei rifiuti e dà una seconda vita agli oggetti usati.

Ma possiede anche un importante risvolto sociale, in quanto permette sia di aiutare l’imprenditoria femminile in Africa che di avviare un’integrazione dei volontari richiedenti asilo delle cooperative che agiscono sul territorio».

Il Laboratorio del riuso è aperto il martedì, il giovedì e il sabato dalle 10 alle 13 e il sabato pomeriggio dalle 14 alle 17.

Sempre a favore della riduzione degli sprechi e dei rifiuti il Comune di Bergamo ha dato il via nel mese di dicembre a un’altra iniziativa: si chiama Ecovan ed è un furgone dedicato alla raccolta dei rifiuti domestici pericolosi di piccole dimensioni come pile, batterie, lampade ecc.

Dove trovarlo? Presso i mercati della città, messo a disposizione dal comune in collaborazione con Aprica e Legambiente.

Il progetto partirà con un mezzo di raccolta che era già in dotazione, pronto però a essere sostituito entro l’estate da un Ecovan elettrico scelto appositamente alla fiera Ecomondo.

L’invito è dunque rivolto a tutti i cittadini per utilizzare le strutture messe a disposizione e dare nuova vita a quegli oggetti di scarto, che possono ancora essere riparati e riutilizzati.

Gianluca Zanardi

Dicembre 2017

Articoli Correlati

Una legge regionale sull'Economia Solidale e Sociale per riconoscere il valore di questo settore
Richiesta l’assistenza al servizio legislativo di Regione Lombardia. Aperto il confronto...
Blackfriars Bridge - Londra
Dalla Danimarca all'Italia, da Londra all'Australia, viaggio tra i ponti e le...
Prosegue per la stagione termica 2018/2019 l’iniziativa di sensibilizzazione del Comune...
All’Università Cattolica esperti a confronto sul tema “La povertà, lo sviluppo sostenibile, le tecnologie. Formazione, giovani, adattamento climatico”
All’Università Cattolica esperti a confronto sul tema “La povertà, lo sviluppo...