feedFacebookTwitterlinkedinGoogle+

infoSOStenibile

Educare alla sostenibilità. Parte il progetto Green School

Educare alla sostenibilità. Parte il progetto Green School

Presentato a Bergamo l'iter per poter diventare una “scuola verde”. Oltre 20 istituti scolastici aderenti al progetto

Nel mezzo della Settimana Europea per la Mobilità 2019 e pochi giorni prima delle manifestazioni per il clima che hanno visto - per la terza volta quest’anno - migliaia di studenti scendere in piazza per far sentire la propria voce, a Bergamo è stato presentato il progetto “Green School” che vede il mondo scolastico come protagonista. Rivolto a tutti gli Istituti della provincia bergamasca e finanziato per il primo anno dall'Agenzia Italiana per la Cooperazione e lo Sviluppo, il progetto mira a coinvolgere in prima persona professori e studenti nella realizzazione di una scuola più sostenibile.

La presentazione del progetto si è svolta lo scorso 23 settembre alla presenza del consigliere provinciale con delega a giovani e sport, ambiente, parchi e riserve Marco Redolfi, dell’assessore all’Ambiente e alla mobilità Stefano Zenoni e dell’assessore al Verde pubblico, edilizia residenziale pubblica, affari generali, educazione alla cittadinanza, pace, legalità e trasparenza, pari opportunità Marzia Marchesi. Erano presenti anche Tiziano Bettoni e Francesca Belotti della Cooperativa Ruah, referente provinciale per il progetto, così come alcuni rappresentanti per i ragazzi di Fridays for Future, la Cooperativa Ecosviluppo, l’Ufficio Pastorale della Diocesi di Bergamo, una rappresentante del comitato genitori e infoSOStenibile. 

Una scuola più green

L’aspetto innovativo di Green School - progetto già attuato con successo in altre realtà della Lombardia - sta nella volontà di migliorare la sostenibilità ambientale nelle scuole coinvolgendo i ragazzi in prima persona, ma anche e soprattutto di creare una rete che permetta al progetto di incrementarsi e autosostenersi nel corso del tempo. I passi fondamentali di Green School prevedono di creare in ogni scuola un gruppo operativo fatto da un referente e da una serie di figure di sostegno scelte tra docenti, alunni, genitori, associazioni e personale non docente.

Il progetto prevede poi cinque diverse tappe: la prima è l’attuazione di un’indagine preliminare qualitativa e quantitativa, che porti ad una raccolta dati e permetta di capire su quali aspetti lavorare maggiormente; la seconda tappa riguarda invece la definizione della strategia da adottare nei mesi successivi attraverso una programmazione in tre step: azioni da fare a scuola, informazione interna e divulgazione sul territorio.

Una volta programmato il lavoro che conduce al riconoscimento di Green School, si passerà alla fase di realizzazione vera e propria, che prevede la messa in pratica da parte della scuola di quanto elaborato nei mesi precedenti. 

I pilastri del progetto

Come detto, tra le fasi iniziali del progetto c’è quella che porterà ogni istituto ad elaborare una strategia “green” da adottare. Il consiglio dato è quello di concentrarsi su uno dei pilastri di sostenibilità sul quale si regge il progetto: acqua, energia, mobilità sostenibile, natura e biodiversità, rifiuti e spreco alimentare.

A essi si aggiunge anche la riflessione sul rapporto Nord / Sud del mondo. Aspetti che gli Istituti aderenti a Green School - ad oggi sono oltre 20 - saranno chiamati a sviluppare sia all’interno dell’ambito scolastico, sia fuori dalle mura scolastiche, attraverso il coinvolgimento degli attori del territorio nel quale la scuola è inserita come aziende, associazioni, amministrazioni e famiglie.

Gianluca Zanardi

Ottobre 2019

Articoli Correlati

Economia Solidale e Sociale: verso una legge regionale
Nei mesi scorsi è stato avviato il percorso per una proposta di legge regionale sull’...
Screpolature da freddo. Un fastidio che si può prevenire
Tagli e secchezza sulle labbra e sulle mani possono rendere l'inverno difficile da...
Australia in fiamme. La “Chernobyl della crisi climatica”
La terra dei canguri messa in ginocchio dai roghi. Ma la politica continua a scegliere il...
“Anthropoceano”, il primo murales mangia-smog di Milano
L'opera d'arte è realizzata con pittura Airlite capace di assorbire anidride carbonica e...