feedFacebookTwitterlinkedinGoogle+

infoSOStenibile

Brend - Brescia Nuove Direzioni vi dà il benvenuto

Brend Brescia Nuove Direzioni

Il Fuori Expo bresciano inaugurato il 16 maggio apre le porte di Palazzo Martinengo Colleoni ad aziende e visitatori

La splendida dimora storica di epoca barocca, per anni adibita a tribunale e da qualche tempo alla ricerca di una nuova destinazione, ha finalmente riaperto i battenti. Dal 16 maggio infatti Palazzo Martinengo Colleoni è ufficialmente la sede centrale di Brend, il Fuori Expo bresciano. All’incrocio tra corso Cavour e via Moretto - non lontano dal Museo di Santa Giulia, patrimonio dell’Unesco e dal Tempio capitolino romano - Brend si trova in una posizione strategica rispetto al centro cittadino, un buon punto d’arrivo, di partenza o di passaggio per cittadini e visitatori.

Brend, che sta per Brescia Nuove Direzioni, è una delle tre principali articolazioni dell’operazione integrata di “Sistema Brescia per Expo 2015”, insieme all’Albero della Vita, costruito dal Consorzio “Orgoglio Brescia”, e alle sei giornate bresciane presso il Padiglione Italia. Con Brend il palazzo dell’ex-tribunale ha acquisito nuova vita: fino a dicembre, sarà un polo multi-espositivo che raccoglie le tante anime bresciane, i racconti di un territorio che sa di arte, cibo e lavoro. Le aziende sono ospitate in uno spazio dedicato, allestito in base a una tematica che varierà a cadenza mensile.

Ci saranno anche spazi per la ristorazione, degustazioni, show cooking, spettacoli, convegni scientifici e di settore, seminari, workshop e sale meeting. Brend sarà anche la sede privilegiata di incontro con tutti i 144 Paesi partecipanti ad Expo 2015. L’inaugurazione è stata inoltre occasione per visitare in anteprima “Convivio”, la prima delle mostre ospitate negli spazi di Brend, realizzata esclusivamente con materiali delle aziende aderenti all’iniziativa e oggetti storici provenienti dalla collezione del Musil (Museo del Lavoro e dell’Industria). “Convivio” è dedicata al tema del design in tavola: dalla preparazione e manipolazione dei cibi, all’allestimento della tavola e della cucina, presentando anche alcune produzioni alimentari bresciane di eccellenza e innovazioni tecnologiche d’avanguardia.

Si tratta del primo di sette percorsi espositivi che coinvolgeranno le aziende del territorio. Nei prossimi mesi sarà la volta di “Acciaio”, “Viaggio”, “Persona”, “Velocità”, “Paesaggio” e “Futuri”. Le aziende verranno presentate come fossero “opere d’arte”. A raccontarsi saranno di volta in volta una decina circa di attività produttive del territorio coinvolte in un’esposizione interattiva e multimediale. A curare l’esposizione, il professor Massimo Negri, Direttore di Ema - European Museum Academy.

 

“Brixia, Roma e le genti del Po” dal 9 maggio al 17 gennaio Brescia città dell’archeologia

Maggio ha inaugurato un altro degli appuntamenti culturali tra i più importanti in Lombardia in occasione di Expo. “Brixia. Roma e le genti del Po” l’esposizione visitabile dal 9 maggio presso il Museo Santa Giulia porta a Brescia oltre 500 reperti archeologici, concessi da decine di musei e istituzioni di tutta Italia. Un percorso espositivo suddiviso in dodici sezioni che si snoda per 1.500 metri quadrati e che racconta una storia fatta di scontri e incontri tra Roma e le popolazioni locali insediatesi nei secoli lungo il corso del fiume Po.

Tre secoli di guerra e pace, che hanno portato importanti trasformazioni culturali e sociali, ma anche nella fisionomia del territorio, dovute a disboscamenti, bonifiche, messe a coltura di terre molto fertili e alla creazione di città unite da grandi strade consolari. La mostra è il frutto di tre anni di lavoro congiunto delle sovrintendenze archeologiche di Lombardia, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Piemonte, Toscana e Veneto, a fianco delle università di Bologna, Milano, Padova, Venezia e di un certo numero di musei civici. L’esposizione trova la sua naturale prosecuzione nel Parco Archeologico di Brescia - inaugurato insieme alla mostra - il più importante, esteso e conservato della Gallia Cisalpina (nord Italia).

Un’area di circa 4.200 mq che comprende gli edifici più antichi della città: il Santuario di età repubblicana, il Capitolium, il teatro romano, il tratto di lastricato del decumano massimo e la vista su piazza del Foro, che conserva vestigia della piazza di età romana. I visitatori del sito avranno la possibilità di fare un vero e proprio salto nel passato rivedendo, dopo 2000 anni, gli edifici e la città come si presentavano tra il III secolo a. C. e il I secolo d.C. grazie all’esperienza di visita in realtà aumentata tramite dispositivi indossabili.

Angela Garbelli

Giugno 2015

Articoli Correlati

Sette anni in sette giorni
Novembre 2017, bene. Ci guardiamo indietro e… sette anni, sono passati già sette anni e...
Abbigliamento sostenibile. Vestirsi per filo e per sogno
A Paladina la fiera del tessile biologico, ecologico e solidale Domenica 22 ottobre...
Il grande sentiero
Montagna, viaggi, avventure e ambiente nella rassegna cinematografica di Lab80 Nona...
Autunno, tempo di castagne
Sul lago di Como un “maxi castagneto” da 220 ettari L’autunno è arrivato e insieme all’...