feedFacebookTwitterlinkedinGoogle+

infoSOStenibile

La sostenibilità delle critiche

La sostenibilità delle critiche

I livelli dei giudizi: il fare e l’essere

Per quale motivo a volte non è sentita di buon grado una critica proveniente dall’esterno? È capitato a tutti, almeno una volta, di ricevere un giudizio da parte dell’altro in diversi contesti di vita: sul lavoro, nel gruppo di amici, in famiglia. Sono certa di poter affermare che ognuno di noi ha sperimentato almeno una volta nella vita una sensazione di irritazione e rabbia dopo un’affermazione altrui percepita come svalutante. Perché questo accade? La nostra reazione di fronte a una critica dipende forse dalla persona che la muove? Dal contesto in cui avviene la dinamica comunicativa? Dal momento in cui viene mossa? Dalla nostra capacità di autocontrollo? O forse si tratta anche di altro?

La nostra reazione a una critica esterna dipende da tutti questi fattori così come dal livello della critica stessa. Ci sono infatti due livelli fondamentali attraverso i quali il giudizio dell’altro o verso l’altro può essere espresso: il fare e l’essere. Quando una critica è mossa a livello del fare è certamente più sostenibile in quanto il giudizio riguarda il nostro operato e non noi stessi. Un esempio di critica a livello del fare potrebbe formularsi in questa forma: «A mio avviso il tono che hai utilizzato con la collega durante la riunione è stato un po’ troppo acceso». Diversamente la stessa critica mossa sul livello dell’essere sarà: «Sei un maleducato!».

Va da sé che nel momento in cui la critica è al nostro essere come persona la svalutazione che sentiamo arrivare dall’altro è molto più pesante e molto meno semplice da digerire. Essere più consapevoli del livello attraverso il quale la critica viene espressa può aiutarci a comprendere il significato della stessa. Cogliere questa distinzione è inoltre utile anche nel momento in cui siamo noi a criticare: tener presente i due possibili livelli di critica ci permetterà di esprimere un giudizio a livello del fare che verrà più facilmente compreso e accettato dall’altro. Ecco allora che la critica assumerà un carattere costruttivo che facilmente sarà percepito come valore aggiunto nella relazione, migliorandola e rendendola più sostenibile nel tempo.

Valentina Mangili - Psicologa dell'equipe the clew

Giugno 2015

Articoli Correlati

Scelto il rinnovato BoPo di Ponteranica per la cena annuale della nostra rivista, all’...
Informati mettendo alla prova le tue conoscenze divertendoti Domande 1. Condimento da...
La ex bocciofila diventa ristorante con ampi spazi interni ed esterni, gestito dalle...
La celebre Infinity Mirror Room dell’artista giapponese arriva per la prima volta in...