feedFacebookTwitterlinkedinGoogle+

infoSOStenibile

In Italia il primo Forum Mondiale sulle Foreste Urbane

In Italia il primo Forum Mondiale sulle Foreste Urbane

A Mantova quattro giorni di riflessione sul ruolo delle foreste per uno sviluppo green delle città

Quando si pensa alle foreste, ci si immagina immense distese verdi a perdita d’occhio. E se vi dicessimo che esistono anche le foreste urbane?
Si tratta di polmoni verdi situati all’interno delle città, per centri urbani più ecosostenibili. Proprio di foreste urbane e della loro importanza si è dibattuto durante il World Forum on Urban Forests (Forum Mondiale sulle Foreste Urbane) svoltosi dal 28 novembre all’1 dicembre a Mantova, primo appuntamento mondiale sul tema.
L’evento, promosso dalla Fao ed organizzato dal Comune di Mantova – città più verde d’Italia nella classifica Ecosistema Urbano 2018 -, dal Politecnico di Milano e da Sisef (Società Italiana di Selvicoltura ed Ecologia Forestale) è stata l’occasione per riflettere su come rendere le città più verdi e di conseguenza più inclusive, sicure e ricche.

Una sfida per le città del futuro

Durante il forum, oltre 400 esperti da più di 50 Paesi del mondo - con un comitato scientifico diretto dall’architetto e urbanista Stefano Boeri e da Cecil Konijnendijk, professore dell’University of British Colombia - hanno illustrato i benefici che le foreste urbane possono fornire alla popolazione in termini di crescita economica sostenibile, conservazione dell’ambiente, coesione sociale e coinvolgimento della cittadinanza, raccontando come stanno affrontando la questione nel proprio Paese e le strategie da attuare.

«Le città del mondo, responsabili della produzione di gran parte dell’anidride carbonica presente nella nostra atmosfera – ha sottolineato Boeri – hanno oggi l’occasione di diventare protagoniste di un grande progetto di inversione del cambiamento climatico: considerando che le foreste e i boschi assorbono circa il 40% dell’anidride carbonica globale, portare le foreste nelle città significa combattere il nemico sul suo principale campo di battaglia.
La forestazione urbana, intesa come l’aumento esponenziale delle superfici verdi e alberate negli spazi urbani e periurbani delle metropoli del mondo, è uno degli strumenti più efficaci per ridurre gli effetti catastrofici del cambiamento climatico e progettare un futuro migliore per le generazioni future».

I dati mostrano infatti come le città, pur occupando solo il 3% della superficie del pianeta, ospitano il 54% degli esseri umani (si stima che diventeranno il 70% nel 2050), consumano il 70% dell’energia globale, emettono il 75% degli inquinanti e dei gas serra. Come potrebbero aiutare in questo senso le foreste urbane?

La progettazione e gestione di alberi e boschi in posizioni strategiche della città aiuterebbe su più fronti: dal punto di vista ambientale e della salute assorbirebbe non solo l’anidride carbonica ritrasformandola in ossigeno, ma ridurrebbe anche la temperatura atmosferica, il rischio di inondazioni, filtrando l’inquinamento acustico, i casi di asma e di obesità; dal punto di vista economico permetterebbe di ridurre l’utilizzo dell’aria condizionata fino al 50% e di far risparmiare dal 20 al 50% sulla bolletta per il riscaldamento e fino al 60% dei costi di ripristino della pavimentazione stradale.

Gli eventi del forum

Diversi gli eventi collaterali che hanno accompagnato il forum, per sensibilizzare l’intera cittadinanza: oltre alle conferenze e dibattiti declinati nelle tre macro aree passato presente e futuro, concerti, mostre, installazioni, incontri e uno spettacolo in sinergia con il Festivaletteratura, proiezioni cinematografiche con il Festival Cinematografico Internazionale Sulle Foreste, escursioni nel giardino ottocentesco delle Bertone e il Centro cicogne ed iniziative per bambini e scuole.

Per approfondimenti: www.wfuf2018.com.

Giada Frana

Dicembre 2018

Articoli Correlati

Economia Solidale e Sociale: verso una legge regionale
Nei mesi scorsi è stato avviato il percorso per una proposta di legge regionale sull’...
Hunting pollution
È a Roma il più grande murales ecologico d’Europa Questa storia si intitola “Hunting...
Balena grigia
Dal Circolo Polare Artico al New Mexico per riprodursi nel santuario della fauna...
Reverie 1897, copyright(C) 2018 Mucha
Un percorso espositivo alla scoperta dell’artista ceco protagonista della Belle Époque...