feedFacebookTwitterlinkedinGoogle+

infoSOStenibile

Festival Acquedotte: acqua e cultura tra Cremona e Salò

Festival Acquedotte: acqua e cultura tra Cremona e Salò

Dal 5 giugno prende il via il festival dedicato a natura e cultura con ospiti e spettacoli da non perdere 

Prima ampio lago, poi ampio fiume: è l’acqua che cambia forma, creando legami tra territori e culture. L’acqua è simbolo dello sviluppo delle civiltà, da ancor prima che esse venissero riconosciute come tali. L’acqua che riempie il lago di Garda e scorre poi nel letto del fiume Po costituisce da migliaia di anni un filo conduttore naturale che oggi viene celebrato attraverso un festival dedicato alla natura e alla cultura.

Prende il via il 5 giugno la seconda edizione del Festival Acquedotte, organizzato in sinergia da Comune di Cremona, Comune di Salò, Pro Loco “Città di Salò” e Associazione Industriale Bresciana con il patrocinio di Regione Lombardia e Padiglione Italia Expo Milano 2015. Un Festival che lega questi luoghi con un doppio filo: lo sciabordio dell’acqua scorre accanto al suono dei violini, grazie al maestro Gasparo da Salò e ai cremonesi Amati e Stradivari.

Sulla scia di questa comunanza territoriale e culturale si snoda il programma del Festival musicale Acquedotte, con dieci produzioni originali in programma fino al 22 agosto che verranno portate sia sul palco cremonese, sia su quello di Salò.

A Cremona, i concerti si terranno nel cortile di Palazzo Trecchi (a Palazzo Cittanova in caso di maltempo), a Salò in piazza della Vittoria (all’auditorium Paolo Ceccato in caso di maltempo), mentre lo spettacolo conclusivo andrà in scena sul Lungolago Zanardelli.

Le culture si incontrano, le espressioni artistiche si contaminano: il festival è ricco di spettacoli variegati. Tra i protagonisti Dee Dee Bridgewater, considerata tra le eredi delle grandi voci femminili del jazz; le acrobazie della Evolution Dance Theater, Hevia, rivoluzionario della musica tradizionale, l’eclettico Moni Ovadia e la celebre voce del musical, Ute Lemper. Le espressioni artistiche si incrociano, si incontrano, si susseguono e viaggiano ancora una volta lungo le acque, da Salò a Cremona.

M.P.

Giugno 2016

Articoli Correlati

Promosso da Orto Botanico di Bergamo, il contest per falegnami e artigiani che darà casa...
Si è conclusa con successo l’edizione 2022 del Festival della SOStenibilità di Bergamo,...
Nato nel 2020, il Mercato locale di Slow Food lancia per la stagione 2022/23 nuovi...
La situazione lombarda non fa eccezione: crisi agricola, energetica e turistica. A Lecco...