feedFacebookTwitterlinkedinGoogle+

infoSOStenibile

Un bando da 500mila euro a sostegno dell'Economia Sociale e Solidale

Un bando da 500mila euro a sostegno dell'Economia Sociale e Solidale

La Fondazione Istituti Educativi il prossimo 25 ottobre presenterà a Bergamo la ricerca e il regolamento. Numerosi gli appuntamenti collaterali

Anticipata durante la manifestazione “Agricoltura e Diritto al cibo” sabato 28 settembre presso la cooperativa Il Sole e la Terra di Curno, prosegue la serie di appuntamenti che la Fondazione Istituti Educativi di Bergamo sta organizzando per promuovere i risultati della ricerca commissionata al consorzio AAster sull’economia sociale e solidale bergamasca e contestualmente sul bando elaborato appositamente a partire da tali risultati, con la finalità di offrire contributi mirati e finanziamenti a sostegno della crescita di questo mondo e di questa economia. Un fenomeno che ha dei punti di forza ma anche di debolezza e per questo va aiutata a consolidarsi e rapportarsi nei confronti dell’economia capitalista.

«I risultati di quella ricerca ci spingono a lavorare in tre direzioni - spiega Matteo Rossi, già presidente della Provincia e oggi consigliere della Fondazione Istituti Educativi -. Sostenere i territori in una progettualità che definiamo “Smart land”, ossia capace di tenere insieme innovazione e coesione sociale; individuare i nodi della filiera agroalimentare, a partire dalla distribuzione, che vanno rafforzati per aumentare lo spazio di mercato dei piccoli produttori; infine rafforzare la dimensione organizzativa delle reti e relazionarsi sempre di più ai luoghi formativi, scuole, oratori, centri di formazione professionale».

A questo proposito sono state diramate alcune linee guida in attesa del regolamento dettagliato del bando, che si terrà venerdì 25 ottobre alle 18 presso la sala Galmozzi in via Tasso 4 a Bergamo: «A fine ottobre apriamo il bando da 500mila euro sulle nuove economie di comunità – continua Matteo Rossi -. Il messaggio che lanciamo al movimento è questo: continuate a rafforzare la rete, organizzatevi, apritevi alle nuove generazioni, immaginate come rafforzare le filiere produttive. Gli Istituti Educativi sosterranno chi saprà presentare progetti che vadano in questa direzione».

Le linee guida

Il bando vuole sostenere progetti lungo i seguenti assi: la promozione di processi volti alla salvaguardia e alla valorizzazione delle risorse ambientali, all’educazione ambientale e alla diffusione di buone pratiche volte alla sostenibilità; la tutela e la valorizzazione del comparto agroalimentare locale, biologico, della filiera corta e dei principi dell’economia sociale e solidale; la formazione orientata ai principi dell’ESS e della costruzione di comunità solidali e aperte; l’aggregazione di soggetti operanti nel campo dell’ESS ai fini di una maggior efficienza organizzativa e della capacità di allargare la propria sfera di mercato. Potranno essere presentati progetti i cui obiettivi e le cui azioni siano riferite a uno o più dei tre ambiti di seguito descritti: Territori smart land, Cultura di sistema e alleanze generazionali, Economie trasformative e circolari.

Ogni singolo progetto deve prevedere un partenariato di almeno 5 soggetti. La dotazione finanziaria complessiva del Bando Nuove Economie di Comunità è di euro 500mila e la Fondazione finanzierà fino ad un massimo del 70% di budget totale di spese ammissibili dichiarato, così come indicato nel regolamento del Bando. A partire dal 28 ottobre 2019 sarà possibile accedere all’area dedicata del sito della Fondazione Istituti Educativi di Bergamo. La scadenza ultima per la presentazione dei progetti è il 29 febbraio 2020.

Prossimi appuntamenti

  • Martedì 8 ottobre alle 20:45 a Romano di Lombardia nella sala della Rocca Viscontea, nell’ambito di ViviRomano SOStenibilmente, appuntamento con la presentazione della ricerca e le linee guida del Bando della Fondazione Istituti Educativi, unitamente alla presentazione del percorso che ha portato alla presentazione della legge regionale in materia di ESS, lo scorso 2 settembre 2019.
  • Venerdì 18 ottobre dalle 20 ritrovo presso la sede del Parco dei Colli e Biodistretto per festeggiare la raccolta firme della legge ESS e condividere gli obiettivi del percorso in programma per i prossimi mesi. 
  • Sabato 19 ottobre alle 11.30 presso la Fiera di Bergamo, workshop su "Territori smart land ed economia circolare" all'interno della manifestazione "Forme, Bergamo capitale europea dei formaggi" insieme a Luciano Valle e a Giuseppe Guerini.
  • Venerdì 25 ottobre alle 18 presso la sala Galmozzi in via Tasso 4 a Bergamo, presentazione ufficiale del regolamento del bando sulle nuove economie di comunità: un'occasione utile per chiedere tutto quello che serve e iniziare a progettare fino a febbraio, quando scadranno i termini per presentare i progetti. Info su: 

www.istitutieducativi.it

 

Ottobre 2019

Articoli Correlati

Non solo un atto agricolo
Se mangiare (consapevole) significa futuro “Il mangiatore industriale non sa che mangiare...
Tutta questione di cibo. Tra spreco, mode e sfruttamento
Squilibri, eccessi, impoverimento di terre e mari e diete “fashion” ma dannose. Viaggio...
Castagne
Il cereale che cresce sull'albero La castagna, frutto del castagno, viene definita “il...
Cavolo cappuccio
Poche calorie, zero grassi, tanto gusto Il cavolo cappuccio viene definito una pianta...