feedFacebookTwitterlinkedinGoogle+

infoSOStenibile

Questa scuola è una camera a gas

Scuola dell’infanzia di via Pietro Nenni, Bagnolo Mella (BS)

Il rapporto «Ecosistema Scuola 2017» di Legambiente racconta la situazione delle scuole italiane. La Lombardia per età, sicurezza e soprattutto inquinamento è peggio della media nazionale

Dopo il quadro a tinte scure dipinto da Cittadinanzattiva nel settembre scorso, anche Legambiente dice la sua sullo stato delle scuole italiane aggiungendo un tassello sconfortante. Infatti, secondo «Ecosistema Scuola 2017» - l’indagine annuale redatta dall’associazione - gli istituti scolastici italiani da nord a sud non godono di buona salute.

In particolare la Lombardia vanta scuole più vecchie rispetto alla media nazionale: in Italia le scuole più recenti, edificate tra il 1991 e il 2016, sono il 9,8% mentre in Lombardia solo il 3%.

Le scuole lombarde più vecchie della media

Non è l’età degli edifici però a costituire l’unico problema del patrimonio scolastico della regione: spesso le scuole vengono frequentate pur non godendo delle autorizzazioni previste dalla legge, come la certificazione di idoneità statica o addirittura di agibilità (ce l’ha solo il 51,2% delle scuole).

In Lombardia, per esempio, soltanto il 29,7% possiede l’attestazione di prevenzione incendi (in Italia lo stesso dato si attesta al 47%) e appena poco più della metà ha impianti elettrici a norma; mentre le scuole lombarde costruite con criteri antisismici sono il 2%. Nonostante questa situazione che dal 2012 ha portato il 42,3% delle scuole nei capoluoghi lombardi a intervenire con manutenzione straordinaria, ancora più di un edificio su due ha bisogno di cambiare gli impianti, rimuovere le barriere architettoniche o adeguare la strumentazione anti-incendio.

Onde elettromagnetiche, amianto e polveri sottili

Luoghi poco sicuri, dunque, anche dal punto di vista ambientale: il wifi raggiunge quasi tutti (il 70% in Lombardia) ma la rete è cablata solamente per il 5,6% delle scuole della regione; le altre non sono protette dall’esposizione elettromagnetica che tocca in particolare il 40,5% dei plessi scolastici costruiti vicino ad antenne tv e telefoniche.

La presenza di amianto è stata monitorata campionando i tetti di tutte le scuole dei capoluoghi, anche se nel resto della Lombardia solo il 10,2% delle strutture ha un’adeguata certificazione.

Ma i problemi non finiscono qui: invece di godere di una posizione privilegiata le scuole sono costruite vicino a industrie (25,3%), discariche (13,7%) e aeroporti (19,4%), mentre praticamente tutte soffrono gli effetti delle polveri sottili legate al traffico che ha i suoi massimi picchi proprio negli orari di ingresso e uscita degli alunni.

A scuola a piedi L’esempio di Cormano

Andando a scuola si crea smog come dimostra il rapporto del circolo Legambiente Cormano e della Società Italiana di Medicina Generale che ha misurato le micro particelle inquinanti nell’aria sia sopra i tetti sia nelle strade adiacenti le scuole del territorio, individuandone una presenza altissima sui marciapiedi.

Le polveri ultrasottili sono pericolosissime per l’uomo perché, grazie alle piccole dimensioni, penetrano nei polmoni e nel sangue: perciò il Comune ha stabilito il blocco parziale della via di accesso alla scuola negli orari di punta mentre i bambini di Cormano che hanno scelto di andare a scuola a piedi - sfruttando il servizio “Pedibus” (attivato solo dal 9% delle scuole lombarde) – sono aumentati dell’86%!

Ilaria Beretta

Dida foto: Scuola dell’infanzia di via Pietro Nenni, Bagnolo Mella (BS)

 

Le scuole più sicure? Sono a Bergamo

Tra le eccellenze lombarde, che si distinguono per meriti in questo quadro, ci sono le città di Como e Cremona che hanno dichiarato «urgenti» le manutenzioni del maggior numero di edifici. In particolare, nel 2016 Cremona insieme a Brescia ha controllato e sistemato i solai scolastici più del resto della Lombardia, mentre Lecco e Mantova negli ultimi due anni hanno iniziato indagini a tappeto per fare una diagnosi di tutte le soffitte delle scuole. Dal collaudo statico all’agibilità, dalla prevenzione incendi all’accessibilità igienico-sanitaria, l’unica città lombarda ad avere tutte le scuole a norma di certificazione è Bergamo che si guadagna così un importante primato.  

Ottobre 2017

Articoli Correlati

Una legge regionale sull'Economia Solidale e Sociale per riconoscere il valore di questo settore
Richiesta l’assistenza al servizio legislativo di Regione Lombardia. Aperto il confronto...
Blackfriars Bridge - Londra
Dalla Danimarca all'Italia, da Londra all'Australia, viaggio tra i ponti e le...
Prosegue per la stagione termica 2018/2019 l’iniziativa di sensibilizzazione del Comune...
All’Università Cattolica esperti a confronto sul tema “La povertà, lo sviluppo sostenibile, le tecnologie. Formazione, giovani, adattamento climatico”
All’Università Cattolica esperti a confronto sul tema “La povertà, lo sviluppo...