feedFacebookTwitterlinkedinGoogle+

infoSOStenibile

Lo Spirito del Pianeta

Lo Spirito del Pianeta

Torna a Chiuduno (Bg) dal 25 maggio al 10 giugno il festival che riunisce i popoli indigeni del mondo. 18a edizione, infoSOStenibile presente!

Il Polo Fieristico di Chiuduno, a pochi chilometri da Bergamo, si prepara ad ospitare da venerdì 25 maggio fino a domenica 10 giugno il Festival dei Popoli indigeni “Lo Spirito del Pianeta”. L’evento, giunto quest’anno alla sua 18a edizione, rappresenta l’unico festival tribale indigeno in Italia ed è pronto a far vivere ai suoi partecipanti due settimane tra musica, cibo e tradizioni assieme a 26 gruppi etnici e oltre 150 espositori. Ogni giorno gli avvenimenti in programma permetteranno di conoscere le storie, i suoni e le abitudini di persone e popolazioni provenienti da ogni parte del mondo; una grande possibilità di conoscenza e confronto tra diverse culture per apprendere di più sugli altri e anche su noi stessi.

Gli eventi

Il festival unirà la possibilità di visitare la grande area espositiva all’interno del polo fieristico con i molti eventi in programma. Domenica 27 maggio, ad esempio, si terrà La marcia delle donne per la pace, un’iniziativa nata il 4 ottobre 2016 quando alcune donne ebree e arabe diedero vita ad una marcia in protesta contro il governo israeliano. L’iniziativa, promossa dall’Organizzazione “Women Wage Peace”, è stata già replicata in Spagna e Germania e quest’anno avrà vita anche in Italia proprio all’interno de Lo Spirito del Pianeta. Dopo la cerimonia, si terrà una danza in cerchio intorno al fuoco sacro del festival. In chiusura di serata, si potrà assistere al concerto del gruppo Yael Deckelbaum & Prayer Of The Mothers Ensemble assieme a Miriam Toukan.

Martedì 5 giungo ci sarà la presentazione in anteprima mondiale del nuovo disco “Battle of Kings” di Saor Patrol, il gruppo che si è affermato definitivamente sul panorama mondiale per aver partecipato al sequel del film Braveheart, ma anche ad altri celebri film come Il Gladiatore, Re Artù e Robin Hood. Un gruppo portatore dell’antica tradizione culturale e musicale scozzese con gli inconfondibili suoni della cornamusa.

Musica, tradizioni ma anche celebrazioni, come quella di mercoledì 6 giugno quando all’interno de Lo Spirito del Pianeta sarà presente Ndikela Mandela, responsabile della fondazione Mandela e nipote di Nelson Mandela, per festeggiare i 100 anni dalla nascita dell’ex presidente del Sudafrica. Sarà questa l’occasione per parlare al pubblico dell’esperienza di suo nonno, rinchiuso per 28 anni nel carcere di Robben Island in Sudafrica. Finito l’incontro si potrà assistere allo spettacolo con le percussioni del gruppo Zulu.

Infine ci sarà spazio anche per molto altro, come i concerti di Enzo Avitabile e di Carlos Nunez e le iniziative tra le quali l’inaugurazione del museo all’aperto de Lo Spirito del Pianeta. Per tutta la durata del festival, l’ingresso e la partecipazione agli eventi sarà libera e si terranno sotto una struttura al coperto così da garantire la realizzazione di tutto il programma anche in caso di maltempo. Il centro aprirà durante i giorni feriali a partire dalle 19.00, il sabato dalle 17.00 e la domenica dalle ore 12.00.

Potete trovare il programma con tutti gli incontri su www.lospiritodelpianeta.it. È anche possibile contattare l’associazione Lo Spirito del Pianeta per avere maggiori informazioni al numero 347/5763417 o all’indirizzo email info@lospiritodelpianeta.it.

Gianluca Zanardi

Maggio 2018

Articoli Correlati

Cena a lume di sostenibilità
Anche quest’anno il sabato sera l’invito è a cena con “Diamo Luce alla Sostenibilità”, a...
Scommettere sull’economia sociale e solidale
Sabato 19 maggio allo Spazio Viterbi confronto fra alcune esperienze di Regioni italiane...
Open
Venerdi al festival un convegno in collaborazione con l’Ordine degli Architetti di...
Il significato e valore del Festival dell’Ambiente di Bergamo
La sostenibilità a portata di tutti, dalla green economy al cibo. Iniziative per...