feedFacebookTwitterlinkedinGoogle+

infoSOStenibile

Cena di infoSOStenibile: informazione, menù curato e solidarietà all'associazione Luna Onlus

La redazione di infoSOStenibile

Alla cena per gli 8 anni di infoSOStenibile il menù a tema L'Albero degli zoccoli preparato dagli studenti dell'Abf di Treviglio. Luna Onlus: dal 2001 in campo per regalare un sorriso ai ragazzi e alle loro famiglie

Spazi esauriti nella nuova grande sala della Scuola di Formazione Professionale ABF di Treviglio, scelta quest’anno come location per la cena di compleanno di infoSOStenibile: ben cento partecipanti, un'atmosfera di festa e la volontà di condividere un progetto editoriale che prosegue da ben 8 anni: una serata che è stata tante cose insieme, ma soprattutto un momento di grande convivialità e l'occasione per festeggiare un giornale che fin dalla sua nascita ha deciso di ergere quali colonne portanti le storie “belle”, positive, le buone politiche e attività relative alla sostenibilità, riuscendo a ritagliarsi una diffusione e credibilità non da poco, in un settore - quello della carta stampata - che versa un po' ovunque in stato di grande crisi.

Ecco quindi che la cena dello scorso 23 novembre non è stata soltanto un modo per festeggiare davanti a una cena ispirata direttamente alla tradizione contadina, ma anche un voler ripercorrere i numerosi passi fatti in tutti questi 8 anni, grazie al supporto immancabile di lettori, sostenitori e collaboratori.

E, non da ultimo, anche un modo per portare un piccolo contributo di solidarietà: come ogni anno infoSOStenibile intende supportare realtà attive in Lombardia in ambito sociale o ambientale. Quest'anno abbiamo voluto sostenere le attività di Associazione Luna Onlus, che con grande dedizione dedica tempo e competenze alle persone a cui è diagnosticato l'autismo e alle loro famiglie, promuovendo la ricerca nel settore: grazie alla generosità dei partecipanti è stato raccolto un contributo di 750 euro donato all’associazione, che durante la serata si è presentata in prima persona, con ragazzi e genitori a farla da protagonisti.

La festa, la location, il menù

La cena di compleanno è ormai un appuntamento fisso per il pubblico di infoSOStenibile, la cui prima pubblicazione risale proprio a novembre 2010.Lo scorso venerdì 23 novembre con i lettori e sostenitori abbiamo gremito l'ampia nuova sala dell'ABF (Azienda Bergamasca Formazione) di Treviglio recentemente inaugurata, per gustare un menù in cui innovazione e tradizione si sono fuse alla perfezione.

Preparata e servita dagli studenti della scuola – aspiranti chef e camerieri sotto lo sguardo attento degli insegnanti – la cena era infatti ispirata al film “L'Albero degli zoccoli”: antipasti a base di cotechino, verdure locali e alborelle oppure in variante vegetariana, uno squisito risotto al blutunt, secondi piatti a base di carne e polenta in varie consistenze, per concludere in bellezza con un dolce a base di torta di Treviglio e semifreddi.

Tra una forchettata e l'altra c'è stato modo di conoscersi, ridere e chiacchierare: chi scrive sul giornale e chi lo legge, chi ne condivide i temi e chi ne permette la realizzazione, la diffusione, la sostenibilità economica, per sottolineare insieme il valore di un'esperienza con al centro uno dei primi free press a portare sulle colonne della carta stampata argomenti quali la sostenibilità, gli stili di vita e d'impresa green e l'ambiente, non tanto come corollario bensì come linea editoriale.

Nel corso della serata non sono mancati i discorsi e i ringraziamenti. Molti i rappresentanti di istituzioni presenti in sala, come il sindaco di Treviglio Juri Imeri, l'assessore all'ambiente del comune di Bergamo Leyla Ciagà, l'ex presidente della Provincia di Bergamo Matteo Rossi e il neo consigliere provinciale all’ambiente Marco Redolfi: univoca nei loro discorsi la volontà di rimarcare un impegno costante e crescente in materia di sostenibilità e di migliori stili di vita, ai quali infoSOStenibile ha dato e può dare grande diffusione e sostegno.

Tra caffè e saluti, l’appuntamento della cena di compleanno è ormai divenuto un classico, pertanto oltre ad augurarvi una buona lettura nei prossimi mesi, non manca un arrivederci a novembre 2019! 

Un ringraziamento particolare

Un ringraziamento speciale ai nostri due “top sponsor”, che fin dall'inizio dell'avventura di infoSOStenibile hanno scelto di sostenerci, da 8 anni mese dopo mese, nel racconto delle buone prassi e degli stili di vita e d'impresa sostenibili.
Si tratta di Gianluigi Piccinini, presidente di Ressolar, e di Alessandro Bertacchi, presidente di AB Energie.

Nel corso della serata abbiamo consegnato loro un piccolo pensiero: una prima pagina simbolica di infoSOStenibile (a mò di “man of the year”) dedicata al loro supporto, portato avanti con costanza, con motivazione e condivisione dei valori e dei contenuti espressi dalla linea editoriale. Grazie! 

 

Insieme per vivere l'autismo

Ragazzi e adulti, specialisti e volontari uniti da un impegno comune: quello di lavorare insieme per affrontare l'autismo e le sindromi ad esso correlate.
È questo il cuore dell'Associazione Luna Onlus di Montichiari (BS), che infoSOStenibile ha scelto di sostenere in occasione della nostra cena di compleanno. Il 23 novembre un gruppo di volontari, genitori e ragazzi ci hanno raccontato le loro attività e il difficile percorso portato avanti quotidianamente con grande motivazione: già, perché se da un lato “autismo” è una parola ormai diffusa e spesso fraintesa, dall'altro resta ancora difficile trovare delle reti ampie a supporto delle famiglie che si trovano coinvolte in questo tipo di problematica.

Parole d'ordine: rete...

Obiettivo dell'Associazione Luna Onlus è quello di creare una rete di servizi tra le famiglie, le scuole e gli operatori di enti pubblici e privati coinvolti, per effettuare una presa in carico reale e globale delle persone con diagnosi di autismo e non lasciare sole né loro né le loro famiglie. Grazie alla tenacia dei volontari e ad un'équipe specializzata, Luna Onlus organizza attività abilitative e riabilitative per i ragazzi autistici, ma anche progetti di sollievo per le famiglie e momenti di svago e socializzazione per i ragazzi, come il grest estivo, musicoterapia, arte terapia e la stesura di un giornale periodico.

… E ricerca

Senza dimenticare, ovviamente, la ricerca. Nel 2016 è stato creato il Gruppo Gisa Onlus, gruppo di associazioni di cui Luna Onlus è capogruppo, con lo scopo di sviluppare progetti di ricerca per i soggetti con disturbo autistico. Una speranza di cura potrebbe venire dagli Stati Uniti, dove nel 2018 sono state pubblicate alcune ricerche che tramite l'uso di immunoglobuline hanno riscontrato importanti miglioramenti: il gruppo Gisa vorrebbe riuscire a riproporre lo studio anche su alcuni dei “suoi” ragazzi, offrendo così una speranza di trattamento. Ma l'acquisto del farmaco è molto oneroso e un trattamento complessivo – per una frequenza di infusioni necessaria per ottenere risultati significativi - può costare tra gli 8.000 e i 30.000 € a ragazzo: un prezzo che le famiglie faticano a sostenere. Ecco allora che ci fa ancora più piacere come giornale aver potuto contribuire in minima parte a questo progetto, potenzialmente così utile per numerose famiglie. 

Voci dalla luna. Abbiamo chiesto a Chiara Gelanti, una delle ragazze di Luna Onlus e giornalista sul giornalino “Voci dalla luna”, di raccontarci le attività dell'associazione

In associazione facciamo numerose cose.

Nel giornalino io faccio la giornalista: il nostro giornalino si chiama “Voci dalla luna”. Il giornalino è come un giornale dove scriviamo gli articoli di moda, musica, sul Natale, sulle vacanze estive. Trattiamo vari argomenti e diversi ragazzi scrivono sul nostro giornalino. Io, Marco e Irina ci troviamo per scrivere alcuni articoli insieme. Io scrivo di moda, scelgo gli abbinamenti. D’estate facciamo il Grest a Adro.

Al Grest si fanno tante cose: i lavoretti, si balla, si mangia, si va al parco a giocare, si va in barca a vela, si fa musica.

Mi diverto molto. Al Grest abbiamo fatto musica con Claudio. Abbiamo suonato vari strumenti: il violino, lo xilofono e il tamburo.

Al Grest ogni settimana abbiamo fatto una gita diversa: un giorno siamo andati alla fattoria. Abbiamo fatto il pane. Ognuno di noi ha fatto una forma diversa: rotondo, a cuore, una lettera. Poi abbiamo visto tanti animali: mucche, pecore, capre, cavalli e conigli. Un'altra volta siamo andati all’acquario Sea Life: ho visto tanti pesci e anche le foche. Abbiamo anche fatto una gita al lago. Siamo andati sulla barca a vela e sulla canoa. Abbiamo fatto il bagno e pranzato tutti insieme. Mi diverto molto al Grest, mi piace fare il pane, vedere i cavalli, andare in barca a vela, fare il bagno al lago e stare con gli amici.

Quest’anno abbiamo fatto anche due gite. Siamo andati a Bardolino due giorni e al mare tre giorni.
Ero molto felice al mare e al lago. Sono stata bene. Siamo stati soli senza genitori. Con altri ragazzi mi piacerebbe andare ancora.

Chiara Gelanti

Dicembre 2018

Articoli Correlati

Non solo un atto agricolo
Se mangiare (consapevole) significa futuro “Il mangiatore industriale non sa che mangiare...
Economia Solidale e Sociale: verso una legge regionale
Nei mesi scorsi è stato avviato il percorso per una proposta di legge regionale sull’...
Tutta questione di cibo. Tra spreco, mode e sfruttamento
Squilibri, eccessi, impoverimento di terre e mari e diete “fashion” ma dannose. Viaggio...
Castagne
Il cereale che cresce sull'albero La castagna, frutto del castagno, viene definita “il...