feedFacebookTwitterlinkedinGoogle+

infoSOStenibile

C'è voluta la quarantena

C'è voluta la quarantena

Per l'emergenza, abbiamo ripensato ai nostri stili di vita Chissà se prima o poi lo faremo anche per il clima...

Prima che scoppiasse anche in Italia l'allarme coronavirus, qualcuno stava cominciando sommessamente a far notare che la primavera, quest'anno, era arrivata con un anticipo piuttosto preoccupante sul calendario, dopo un inverno che dell’inverno ha avuto ben poco: già all'inizio di febbraio i rami degli alberi buttavano le gemme, nei prati sbocciavano distese di primule e le api uscivano dagli alveari, ingannate dal tepore di un tardo inverno che si vestiva da stagione calda.

Complici le antenne rizzate dell'opinione pubblica dopo i roghi australiani e complici forse anche i continui e accorati appelli delle associazioni ambientaliste, qualcuno aveva iniziato a preoccuparsi, a chiedersi se fosse davvero normale che a febbraio al Nord Italia il termometro segnasse 18°C, a interrogarsi sulle conseguenze di un simile balzo in avanti nel ciclo delle stagioni, soprattutto se combinato con una protratta – e anch'essa inusuale – carenza di piogge o precipitazioni sul lungo periodo.

Qualcuno aveva cominciato a paventare il rischio siccità e quello di gelate tardive che avrebbero compromesso le coltivazioni, e quindi gli approvvigionamenti di colture nei mesi a venire, in maniera irreparabile; qualcun altro aveva fatto presente che no, le api, sentinelle di un ecosistema, tutte fuori a impollinare a febbraio non erano un bello spettacolo, bensì una potenziale ecatombe silenziosa, perché da un lato non avrebbero trovato cibo e dall'altro sarebbero state più vulnerabili in caso di prossimi e imprevedibili capovolgimenti di condizioni atmosferiche. Insomma, ci si stava accorgendo che qualcosa non quadrava e che era sempre più urgente cambiare stili di vita, a partire dalla quotidianità.

Poi è arrivato il coronavirus. E il clima, a torto o a ragione, è tornato a recedere nella classifica delle priorità. Sparito dai giornali e dalle cronache. È vero: spesso è la cronaca urgente a dettare le regole di informazione e di interessamento collettivo e dinnanzi al COVID-19 (questo il nome scientifico del “coronavirus”) e alle sue problematicità in termini di contagio, di sintomi e di imprevedibilità – così come dinnanzi alle ordinanze cautelative diramate nelle ultime settimane per fronteggiare l'emergenza nel migliore dei modi – è doveroso lasciare spazio e parola a chi è competente e titolato per affrontare il tema, per consigliare i cittadini e per tamponare le criticità mediche e logistiche create dall'esplosione del virus soprattutto nel Nord Italia e nei nostri territori.

Tuttavia, ciò che colpisce è lo squilibrio tra il pericolo percepito e la reazione collettiva. Un esempio su tutti, emblematico nel suo simbolismo: per timore del virus, in pochi giorni le mascherine sono andate esaurite più o meno ovunque (e probabilmente non spetta a noi giudicare se si tratti di precauzione necessaria o di eccesso di precauzione).

Al contempo, l'aria nella Pianura Padana è irrespirabile da settimane – se non da mesi – a causa dell'inquinamento, degli altissimi livelli di emissioni e della carenza di piogge: una situazione i cui effetti sulla salute umana sono molto più diffusi, molto più duraturi e molto più pericolosi sul lungo termine del coronavirus, eppure l’effetto sulle scelte quotidiane delle persone è di gran lunga minore . Secondo i dati dell'Agenzia Europea per l'Ambiente, l'inquinamento dell'aria causa solo nel nostro Paese il decesso di circa 80mila persone l'anno mentre, secondo le proiezioni dell'Oms, tra il 2030 e il 2050 le problematiche ambientali connesse ai cambiamenti climatici provocheranno circa 250mila vittime ogni anno: non proprio numerini. Ma la paura, in questo caso, stenta ad arrivare.

Non è necessariamente un male: la paura spinge all'azione, ma è dalla paura che spesso nascono le scelte meno lungimiranti. Ed è invece di lungimiranza che c'è bisogno ora, per affrontare le innumerevoli questioni connesse al clima, alle primavere che arrivano troppo presto, all'acqua che manca o che arriva con troppa violenza.

Mentre ci attrezziamo per eventuali quarantene, mentre svaligiamo i supermercati e attiviamo gli inconsci meccanismi da “caccia all'untore” di manzoniana memoria, ricordiamoci anche che quella contro il virus è soltanto una delle battaglie da combattere nel presente: certamente è la prima che ci ha portati a mettere in discussione e a ripensare la nostra quotidianità. Prima o poi riuscirà a farlo anche il clima?

La domanda è aperta.

Erica Balduzzi

Marzo 2020

Articoli Correlati

Economia circolare
Greenthesis Group ha sottoscritto un accordo con Circular Economy Lab, iniziativa di...
Rifò
In occasione della Giornata Mondiale dell’Ambiente, il giovane brand di moda con sede a...
Giornata Mondiale dell’Ambiente
Il 5 giugno è il giorno scelto dall’ONU per portare all’attenzione di tutti i problemi e...
Da uno studio effettuato da Cikis , società di consulenza sulla sostenibilità, solo il 39...